Articolo taggato “marco”

Dal Capitolo 16°

del Vangelo secondo Marco

VV 1-8

Risurrezione di Gesù

 

-         “ Non abbiate paura, voi cercate

Gesù di Nazareth, Il Crocifisso!

Non è qui, è risuscitato; andate

 

A dire ai Suoi discenti che Egli è gisso

In Galilea;colà sarà veduto

Come Egli vi ha detto!”-. Né più prolisso,

né men loquace, il giovane seduto

dentro al sepolcro aperto di Gesù

fu colle Sue donne, che avrian voluto

fare su di Lui quelle unzioni più

usuali. Era il primo giorno dopo

il sabato che andarono laggiù

le due Marie, con Salòme, allo scopo

di compiere quell’uffizio predetto

con gli unguenti profumati all’isòpo!

Le donne tennero un riserbo stretto

Sull’accaduto di quella mattina,

per la paura di ciò che ho già detto!

Tag:, , , , , , , , , , , ,

Comments Nessun commento »

 

 Dal Vangelo secondo Marco

Cap. 14

VV 1-2

Congiura del Sinèdrio

Ricorrevala Pasquae, dopo due

giorni, gli Azzimi. Gli scribi ed i grandi

sacerdoti volevano le Sue

mani afferrare ed i Suoi piedi, blandi,

legare con l’inganno, perché poi

l’avrebbero ucciso! Gli alti comandi,

però, così dicevano: – “ A noi

non ci conviene afferrarLo durante

la festa, perché il popolo, coi

 

Suoi amici, un tumulto per scusante

Potrebbero causare!” E così

Decisero di rinviar l’istante!

VV 3-9

Maria alla cena di Betania

Trovandosi a Betania da Simone

Il lebbroso, mentre erano seduti

A tavola, venne con l’intenzione

Di lavare, dopo averli imbevuti,

i capelli di Gesù, una donna

con un di quei profumi conosciuti

per il loro gran valore! S’indonna

di Gesù, spargendoGli sulla testa

nardo odoroso, al punto che s’assonna

quasi il Maestro!Lo spreco e la festa

non piacquero però ai Suoi discenti:

-         “ Se colei non avesse così lesta

 

rotto il vaso d’alabastro, gli unguenti

  ivi tenuti avremmo, per trecento

e più danari venduti, e contenti

 

sarian stati i poveri!” Il lamento

giunse all’orecchio di Gesù che disse:

-         “ Perché vi causa scandalo  l’evento?

D’esso, per sempre, fra ordinate e ascisse

Ove  spazio troverà  il mio Vangelo,

si parlerà, fra quelli che ella visse!

 

Quanto ai più poveri, col vostro zelo

Potrete sempre, con azioni buone,

aiutarli, senza che sia di velo

 

l’occorso, ma caso mai, l’intenzione

vostra, chè li avrete sempre con voi!

Lasciatela dunque fare: l’unzione

 

Del mio corpo, per quanto  accadrà poi,

è necessaria! Godete con me,

perché presto sarò preso dai goi!”

VV 10-11

Il tradimento di Giuda

Or, Giuda Iscariota si recò

Da quei del Sinedrio per consegnarLo

A loro. Caifa se ne rallegrò

Coi suoi e gli promise di premiarlo

Con dei soldi. Intanto egli cercava

Un’opportunità per indicarLo

Agli sbirri di quella gente prava!

VV 12-16

Preparativi per l’ultima cena

Il primo giorno degli Azzimi, giorno

In cui si immolala Pasqua, i discenti

Gli chiedono: – “ Dove vuoi che d’attorno

 

Predisponiamo pei festeggiamenti

Della Tua Pasqua?” Inviò allora

Due dei Suoi dicendo loro: - “Attenti,

 

come arrivate in città, di buon’ora,

vi imbatterete in un uomo che porta

una brocca d’acqua; anche se ignora

tutto, seguitelo, dopo una corta

distanza, entrate con lui nella casa;

 dite al padrone che Gesù lo  esorta:

 

Dov’è la sala, chè non sia inevasa,

ove  Egli adempia la santa funzione

della Pasqua coi discenti?’ Evasa

 

sarà tale richiesta dal padrone,

che  mostreravvi un cenacolo al piano

di sopra, grande e provvisto, a ragione,

 

di quanto vi occorre! Di vostra mano

apparecchiate per noi!”  Essi andarono:

giunti in città, trovarono de plano,

come avea detto! Ivi prepararono

onde la sera immolarela Pasqua!

VV 17-21

Il traditore è a mensa tra i dodici  

Venuta la sera, Egli arrivò coi

Dodici. Ora, mentre erano a mensa

E mangiavano, Gesù disse ai Suoi:

-“ In verità vi dico, c’è chi pensa,

tra di voi, di  tradirmi.  Uno che

sta mangiando con me!” Pensa e ripensa,

contristati, essi chiesero: – “ Chi è?

Son forse io?” Ma Egli rispose loro:

-“ Uno che mette la mano con me

 

Nel mio piatto!Me ne andrò, non lo ignoro,

poiché così sta scritto di me, ma

guai a colui che, senza alcun decoro,

 

il Figlïo dell’Uomo tradirà!

Meglio  per lui sarìa esser mai nato!”

 

VV 22-25

Istituzione dell’Eucarestia

 

Poi, mentre mangiavano, Gesù prese

Del pane e, dopo averlo benedetto

Lo spezzò e ai discepoli lo tese

Dicendo: – “ Questo cibo che Io ora metto

Nelle vostre mani è il mio corpo!”  Dopo,

prese il calice e, senza aver negletto

di rendere le grazie, con lo scopo

di fare bere tutti quanti, disse:

-“ Bevete questo vino, esso è un tropo

 

Che rappresenta il sangue della eclisse

Mia, sparso per l’alleanza di molti!

Non attingerò  più a tai favisse,

 

(lo dico perché al vero siate volti),

fino al ricongiungimento con Dio!”

VV 26-31

Predizione dell’abbandono dei discepoli e delle negazioni di Pietro

 

Uscirono, dopo aver recitato

L’inno e andarono al Monte degli Ulivi!

Gesù disse loro: – “ E’ decretato

 

‘Il Pastore sarà percosso e privi

Ne saranno i greggi!’ Perciò, voi tutti,

quando avrete di fronte strade a bivi,

 

sceglierete la via che non ai frutti

del mio albero conduce, ma  a quea

che ha i corpi lassi e gli animi distrutti!

 

Ma vi precederò in Galilea,

dopo che Iö sarò risuscitato!”

Allora Pietro Gli disse: – “Ho idea

 

Che io, cogli altri, non sarò trascinato

A terra!” Però Gesù l’ammonì:

-“ Oggi, prima che il gallo abbia cantato,

per ben due volte il suon chicchiricchì,

ti dico in verità, m’avrai tradito

e rinnegato per tre volte!” – “ Chi?”-

insistette ancora Piëtro, afflitto

e sorpreso – “ Io Ti sarò professo

anche se dovessi finir perito

 

con Te!” Gli altri dicevano lo stesso!

VV 32-42

Al Getsemani

 

-         “ Sedete qui, finchè sarò orante!”-

Disse Gesù, quando sentì ‘l momento

della Sua Passione poco distante,

ai Suoi discenti, in un appezzamento

che Getsemani era detto. Con Pietro,

Giacomo e Giovanni, pien di spavento

Prese a sentirsi! – “ State qui diëtro,

voi tre e vegliate! L’anima mia

è triste sino alla morte e sì tetro

 

è anche il mio cuore! Or vado via,

voi restate qui e vegliate”. Poco

lontano, volse questa litania

a faccia in terra, in quello stesso loco:

- “ Abbà, Padre! Tutto per Te è possibile;

questo calice brucia come un fuoco;

 

se Tu puoi, rendilo per me imbevibile;

però, non quello che Io voglio, sia fatto,

ma quello che vuoi Tu!” Ristette immobile,

per un po’,  pregando, quindi l’anfratto

lasciò, per tornare indietro, trovando

i tre addormentati. – “ Non sei stato

 

capace di stare un’ora vegliando?”

-         disse a Pietro. – “ Vigilate e pregate

per non cadere in tentazione; blando,

 

anche per   le anime bene temprate

è il corpo, debole per sua natura!”

Poi, le parole già sperimentate,

ripeteva nella stessa radura

isolata ove era  prima. E ancora,

tornato indietro, avvolti nell’oscura

notte, li trovò dormienti! Allora

li interrogò, ma quelli non sapevano

cosa rispondere, come chi ignora

perché gli occhi ha molto stanchi. E avevano

le palpebre chiuse, come i padroni

di certe ricche magioni solevano

sbarrare la notte i loro portoni,

quando Gesù tornò la terza volta!

Ma Egli non diè loro più scossoni

e gli disse. – “ Sia finalmente accolta

la vostra smania di viver sognando!

L’ora è giunta della penosa svolta:

 

colui che mi tradisce sta arrivando,

per consegnarmi in mani peccatrici!”

 

VV 43-52

Il tradimento. Cattura di Gesù

 

Or, mentre ancora parlava, arrivò

Giuda, uno dei Dodici, accompagnato

Da una turba armata quanto si può

Di spade e di bastoni, con mandato

Dei grandi sacerdoti, degli anziani

E degli scribi. Avea concordato,

Giuda, un segnale con quei scalzacani,

dicendo: – “ Quel che bacerò è Lui;

prendeteLo, legateGli le mani

 

ben forte e conduceteLo ai Suoi bui

destini!” Appena giunto, Giüda

si avvicinò e Lo baciò! Per cui

L’afferrarono e sulla pelle ignuda

Dei polsi, Lo legarono! Or, uno

Di quei di Gesù, la spada denuda

E colpisce con violenza taluno

Dei servi di Caifa con un fendente

Che gli mozza un orecchio! – “ Opportuno

 

Parvi arrestarmi come un delinquente?”-

disse loro Gesù. – “ Ogni giorno ero

In mezzo a voi, insegnando alla gente

 

E non mi avete arrestato! Ma è vero

Che devono adempiersi le scritture!”

Allora, abbondonandoLo davvero,

tutti si squagliarono! Vi fu pure

un giovane che Lo seguiva avvolto

in un lenzuolo. Le loro premure

gli rivolsero gli sgherri, ma tolto

il lenzuolo si scoprì che era nudo!

Se ne scappò così, come fu colto!

Capitolo 15°

PROLOGO

Difenditi uomo, che sei innocente!

Io ti ho visto, or sono otto giorni, a dorso

D’una mula, acclamato dalla gente

Semplice e sincera! Questi, che il morso

Vonno per Te, hanno invidia e paura!

E tanto più che mia moglie, nel corso

Della notte ha sognato che sventura

Sarebbe per noi mandarTi a morire!

Difenditi uomo:la Tuacattura

L’hanno voluta quelli che hanno mire

Di comando e potere, e in Te hanno visto

L’ostacolo che gliele può inibire!

 

VV 1-15

Gesù davanti a Pilato

 

Come fu giorno, i grandi sacerdoti.

Gli scribi, gli anziani e il Sinedrio, senza

Peraltro dar conto ai diversi voti,

si riunirono con la presidenza

di Caifa! Fu deciso di portare

Gesù da Pilato! – “ Tu, in coscienza

 

Sei il re dei Giudei?” – Gli chiese con fare

burbero il Procuratore romano!

-         “ Tu lo dici!”- rispose Gesù. Tare

Gravi e molte, ripresero de plano,

quei del Sinedrio. Allora Pilato

Lo interrogò di nuovo: – “ Perché mano

 

Non metti alla difesa e non dai fiato

A discolparTi dalle gravi accuse?”

Gesù, però, non rispondeva affatto,

al punto che Pilato si confuse,

tra sorpresa e rispetto! Si era in festa

di Pasqua, e per non essere deluse

le folle, dato che era manifesta

l’usanza che Pilato liberasse

un carcerato, domandò chi in testa

avessero di liberar le masse!

E loro, alla domanda di Pilato,

istigate dai capi fuöri asse

del Sinedrio, che fosse liberato

Barabba, e non Gesù, a tutta voce

 risposero! E Pilato, affacciato,

di nuovo chiese alla folla: – “ Vi nuoce

dirmi che devo fare di Colui

che chiamate il re dei Giudei?” In croce!”-

 

ripresero a gridare i cuori bui!

E Pilato disse loro: – “ Ma cosa

Ha fatto di male?”- Indi per cui

Quelli gridarono ancora più a iosa:

-“ CrocifiggiLo!”-. Pilato, volendo

Accontentar la gente livorosa,

liberò Barabba! Ed incidendo

per sempre nella storia quel suo gesto,

affidò Gesù alle guardie, venendo

meno all’ obbligo di un verdetto onesto,

mandando sulla Croce un Innocente!

PROLOGO ALL’INCORONAZIONE E ALLA CROCIFISSIONE

Tutto ciò che l’uomo potrà usare

Sarà contro di Te! Vai, Bianco Lirio,

botte ed offese dovrai sopportare!

Vai, Agnello Innocente, al Tuo Martirio

Che ingrato e ignaro l’uomo ha predisposto

Per Te,  condannato senza temmìrio!

Dopo saprà che il sangue Tuo è il costo

Versato per la salvezza del mondo!

VV 16-19

L’Incoronazione di spine

 

Le guardie Lo condussero all’interno,

nel Pretorio, e convocarono tutta

la Coorte.Poiricominciò lo scherno

e il tormento della marmaglia brutta!

Uno Gli mette in testa una corona

Di spine, l’altro uno straccio Gli butta

Addosso per mantello, e c’è chi intona

Cori e inchini di finta reverenza,

sputandoGli addosso; altri ancor l’introna,

colpendoLo con una canna senza

quel riguardo che si darebbe a un mulo!

VV 20-41

La via al Calvario- La Crocifissione- Agonia e morte di Gesù

 

Dopo averLo schernito Lo spogliarono

E Gli rimisero addosso le vesti.

Lo condussero fuori e prepararono

Per crocifiggerLo! Fra tanti testi

Che osservavano Gesù sul sentiero

Del Calvario, tutti atterriti e mesti,

vi era un certo Simone, uno straniero

della Cirenaïca, fu costretto

a prenderela Croce, chè davvero

Gesù, sotto quel peso, sul Suo petto

Era caduto già più d’una volta,

fino in cima al monte, in un luogo detto

Golgota. Qui, dopo averGli disciolta

La veste, sulla quale poi i soldati

Tirarono la sorte, mirra sciolta

Nel vino, come usava ai condannati

Gli porsero, ma non ne prese! Era

L’ora terza quando gli acuminati

Chiodi, con penetrazione severa,

squarciarono le carni di Gesù!

La scritta sulla Croce era sincera:

-         “ Il Re dei Giudei!”-. Chi l’ha messa giù,

forse l’ha fatta per ischerno! Ma

altri l’ha vista con sospetto! Su,

due ladri, hanno  crocifisso insieme a

Lui: uno sta a sinistra, l’altro a destra,

adempiendo ciò chela Scritturaha

predetto: ‘ E’ stato messo tra gente estra

nel malaffare!’ Nel frattempo quei

che passavano, peggio che balestra,

con la lingua Gli lanciavano dei

dardi che s’aggiungevano al dolore:

-         “ Scendi dalla Croce!” – E un altro: – “ Ehi,

-          

dico a Te, che del tempio distruttore

Ti sei detto in tre giorni!”- Anche i grandi

Sacerdoti, con sarcasmo e livore,

Lo sbeffeggiavano: – “ Tu, che comandi,

da Re d’Israele, scendi da lì!

Tu che hai salvato tutti i miserandi,

 

salva Te stesso e i ladroni, così

che vedendo, crediämo!” Ma all’ora

nona Gesù esclamò: – “ Eloì,

 

 

 

 

lema sabactàni!”-  Che per chi ignora

l’Aramaico, vuole dire: – “ Mio Dio,

perché mi hai abbandonato!”- Allora,

uno di quelli presenti disse: – “ Io

dico che Egli chiama Elia!”- Un altro empio

corre, mentre già si ode il brontolìo

che sta per squarciare il velo del tempio,

 mestte una spugna  in cima ad una canna,

e,  avendola empita d’aceto, scempio

alle labbra aggiunge, a Chi già s’affanna

nell’ora estrema! Infatti la mente

Sua, dopo un ultimo grido, s’appanna

Per sempre! Il Centurione, talmente

Fu colpito da quella morte strana

Che disse: – “ Quest’uomo era veramente

 

Figlio di Dio!”-  Vi erano alla lontana,

alcune donne discoste, che avevano

Visto tutto, di quella scena insana!

Erano Galilee e L’assistevano,

in patria, ovunque, ed in Gerusalemme!

VV 42-fine

Sepoltura di Gesù

 

Essendo già sopraggiunta la sera,

un certo Giuseppe d’Arimatea,

membro distinto del Consiglio, che era

speranzoso anch’ei nella fede ebrea

predicata da Gesù Cristo, dato

che era prossima la festa giudea

(l’indomani infatti sarebbe stato

Sabato di Pasqua), venne in città

E si presentò dinanzi a Pilato.

Sprezzante del rischio e d’ogni viltà

Gli chiese di dargli il corpo del Cristo!

Nel dubbio che non fosse morto già

Chiese al Centurione s’avesse visto

L’evento e,  udito che tal L’avea scorto

Coi suoi occhi, diede a Giuseppe il visto!

Egli, avendo scavato in un suo orto

Una roccia, per farla a sepoltura,

vi depose il corpo di Gesù morto,

non prima d’averLo avvolto con cura

in un candido lenzuolo comprato

ad hoc! Ei sigillò, come chi mura,

perché mai più l’interno sia mostrato,

il selpocro di Gesù con un masso!

E tutto dalle donne fu osservato!

Tag:, , , ,

Comments Nessun commento »

Ho letto l’interessante libro di Augias e Vannini  che dà il titolo al presente post, edito recentemente  da Rizzoli.

La sua interessante lettura mi ha riportato indietro nel tempo ai miei studi di filosofia, antropologia e storia delle religioni, condotti  invero da appassionato autodidatta, con particolare riferimento su autori come Sant’Agostino, B. Pascal,  E. Fromm, L. Feurbach, J.J. Bachofen e tanti altri illustri studiosi. Nel libro dei due autori italiani ne vengono citati anche altri e più di quanti  non abbia avuto la fortuna di studiare; ma, ripeto, iosono soltanto un autodidatta che ha studiato in maniera disorganica, spinto dalla passione e dalla ricerca della Verità.

Devo confessare che  in materia di fede io mi accontento delle verità semplici, non solo perchè sento mie certe rivelazioni della Bibbia e del Nuovo Testamento in particolare, ma soprattutto perchè le vivo nel mio animo come gioiose e vere.

Ciò non mi ha impedito pur tuttavia di trovare affascinanti certi passaggi del libro; per esempio laddove si rinvengono nelle dee madri, in Artemide, in Era e in altre figure della mitologia mediterranea, le antesignane di Maria, la Madre di Gesù, da noi venerata come Vergine e Santa. Oppure quando i due coautori ripercorrono l’evoluzione della figura materna di Maria, dalle origini ai nostri giorni, all’interno di un percorso le cui tappe sono i concilii di Nicea e di Efeso, congiuntamente alle Encicliche di vari Papi ed altri fondamentali scritti teologici.

Insomma una lettura che non offende i sentimenti di devozione che albergano nei cuori dei Cristiani,  anche se non sfugge che dietro i toni garbati di Augias e le  dotte esposizioni di Vannini si celano da un lato, l’incredulità del laico inveterato e dall’altro,  la scettica riserva mentale di chi è convinto di essere troppo colto per credere in ciò che credono le anime semplici dei devoti che Maria ha saputo attrarre in tutto il mondo, cattolico e non cattolico, tra i cristiani e i seguaci di tante altre religioni nel mondo intero.

Tag:, , , , , , , , , , , ,

Comments Nessun commento »

Dal Vangelo secondo Marco

Capitolo 1  VV 40-fine

Gesù guarisce un lebbroso

 

Allora venne a Gesù un lebbroso

-         “ Se vuoi puoi guarirmi, Rabbì” – diceva

supplicandoLo chino e lacrimoso!

Con pietà Gesù la mano tendeva

E toccatolo gli disse: “Lo voglio!

Guarisci!” Il tono non ammetteva

Né niuna replica  nè niuno scoglio.

La lebbra scomparve ed egli guarì!

Lo rimandò ammonendo : “Ti  invoglio

  

A non  parlar di questa storia qui!

Dal sacerdote presentati.  Và

e offri ciò che Mosè stabilì,

 

a ricordo della tua libertà!”

Ma quegli cominciò a proclamare

A quanti incontrava  la verità,

al punto che non riusciva ad entrare

in alcuna città e se ne stava

in luoghi deserti per aspettare

la folla che d’affluir non cessava!

Tag:, , , , , , , , , ,

Comments Nessun commento »

Ritorno degli Apostoli

VV 30-33 del Capitolo 6

del Vangelo secondo Marco

 

I discepoli s’adunano intorno

A Gesù e Gli riferiscon tutto

Ciò che aveano fatto, giorno per giorno,

e degli insegnamenti il loro frutto.

Gesù gli dice: – “ Venite in disparte,

mangiate e riposate, soprattutto!”

Erano in molti, infatti, da ogni parte,

a giungere e non avevano neanche

 tempo per mangiare. In barca, ad arte,

scelsero un posto ove le menti stanche

riposare, ma furono veduti,

e tanti  la loro direzione anche

poterono intuire e preceduti

furono via terra da ogni nazione!

Tag:, , , , , , , , , , , , , , , , ,

Comments Nessun commento »

Vangelo di Gesù Cristo secondo Marco

Capitolo 4 – VV 35-41.

VV 30-fine
La tempesta sedata

Lo stesso giorno, venuta la sera
Disse loro. – “ Passiamo all’altra sponda.”
Essi allora Lo presero com’era

Sulla loro barca che, onda dopo onda,
a causa di una tempesta furiosa
imbarcava acqua, tanto che alla fonda

se ne andava mentre Egli, senza posa,
a poppa dormiva sopra un guanciale!
Uno Lo sveglia spaventato e  chiosa:

-    “ Per Te, niente la nostra vita vale,
-    Maestro?” – Gesù, svegliatosi, disse
Al mare e comandò ‘l vento: – “ Cotale

Movimento fermate e siano fisse
Le onde e le folate! “ E si fè sereno!
Poi disse loro: -“ Ancora sono scisse

In voi fede e paura?” – Il cuor pieno
D’ogni paura ebbero i Suoi discenti,
tanto che con raziocinio terreno

chiedevano tra loro: “ Ai mari e ai venti
chi è Costui, che manda e signoreggia?”

Tag:, , , , , , , , , ,

Comments Nessun commento »

Dal Vangelo secondo Marco

Capitolo Primo VV  14-20

Gesù sceglie i primi discepoli

 

-“Seguitemi, vi farò diventare

Pescatori di uömini”  Gesù

Disse ad Andrea e Simone, che in mare

Le reti gettavano e ancor più giù,

sempre lungo il gran mar di Galilea,

vide anche Giacomo e Giovanni. –“Su”-

  disse – “venite, stirpe Zebedea!”

E tutti lo seguirono lasciando

 reti alla barca e barca alla marea!

Intanto Gesù iva predicando

Il Vangelo di Dio e sì diceva:

“Il Regno di Dio ora sta arrivando,

 

convertitevi!” E questo accadeva

quando Giovanni veniva arrestato

dal re Erode, che alle grazie cedeva

di colei che per lui avea danzato.

Tag:, , , , , , , , , , , , , ,

Comments Nessun commento »

Dal Capitolo 13 del Vangelo secondo Marco

VV 33-fine

“Vegliate dunque come’l servo che

 non sa se il suo padrone torni presto

o tardi; né al canto del gallo o nel

 

bel mezzo della notte e sarà desto

se non vuole trovarsi addormentato

quando verrà, comodo oppure lesto!

 

Questo lo dico a voi: sia il vostro stato

Sempre di veglia, ma lo dico a tutti!”

Queste parole che Marco ha narrato

sian come semi che portano frutti.

Tag:, , , , , , , , , ,

Comments Nessun commento »

Dal Vangelo secondo Marco

Capitolo 8
VV 1-9
La seconda moltiplicazione dei pesci

Avevano soltanto sette pani,
da dare ai quattromila nel deserto,
c’avevano soltanto per le mani

quei sette pani e alcuni pesci! – “ Certo
non possono sfamar tutti i presenti
accorsi da tre giorni qui all’aperto,

a udir, Maestro, i Tuoi comandamenti!”
- “ Ma se digiuni li rimando a casa”-
Rispose Gesù Cristo ai Suoi discenti

-    “ lungo questo cammin di terra rasa,
Rischiano di perire o venir meno!”
E, benedetto il poco cibo, evasa,

ogni richiesta, d’ogni fame alieno
fu ciascun dei quattromila! Perciò
piene d’avanzi sette ceste almeno,

sazi e felici Lui li licenziò!

Tag:, , , , , , , , ,

Comments Nessun commento »

Sepoltura

(Dal Vangelo di S.
Marco)

 

 

Essendo già sopraggiunta la sera,

un certo Giuseppe d’Arimatea,

membro distinto del Consiglio, che era

speranzoso anch’ei nella fede ebrea

predicata da Gesù Cristo, dato

che era prossima la festa giudea

(l’indomani infatti sarebbe stato

Sabato di Pasqua), venne in città

E si presentò dinanzi a Pilato.

Sprezzante del rischio e d’ogni viltà

Gli chiese di dargli il corpo del Cristo!

Nel dubbio che non fosse morto già

Chiese al Centurione s’avesse visto

L’evento e,  udito che tal L’avea scorto

Coi suoi occhi, diede a Giuseppe il visto!

Egli, avendo scavato in un suo orto

Una roccia, per farla a sepoltura,

vi depose il corpo di Gesù morto,

non prima d’averLo avvolto con cura

in un candido lenzuolo comprato

ad hoc! Ei sigillò, come chi mura,

perché mai più l’interno sia mostrato,

con un masso il sepolcro di Gesù!

E tutto dalle donne fu osservato

Tag:, , , , , , , , , , ,

Comments Nessun commento »

Parabola del seminatore

VV
4-18

-“ Ascoltate ciò che dirvi or mi preme!

Un seminatore,  per seminare,

uscì un bel giorno! Parte del seme

 

Cadde lungo la strada. A beccare

Quei semi scesero però gli uccelli!

Altri semi s’andarono a posare

 

In luogo roccioso. Come labelli

Prima sbocciarono, ma non avendo

Terreno profondo, come castelli

 

Sulla sabbia, al primo sole, cuocendo

tutti inaridirono. Altri semi

caddero tra le spine, ma crescendo

 

le spine li soffocarono. Premi

invece spettarono, a chi del  trenta,

  sessanta e cento, a quei semi, quai in gremi

 

caddero nella buona terra. Senta

e comprenda chi ha orecchi per intendere!”

Ed  aggiunge il poeta, che si penta,

dal suo canto, chi deve e può comprendere!

Tag:, , , , , , , , , , , , , , , , ,

Comments 2 Commenti »

Che il papa emerito Benedetto fosse un fine teologo è risaputo. Stanno lì a dimostrarlo i due volumi della sua fondamentale opera teologica e pastorale, Gesù di Nazaret - Dal Battesimo alla Trasfigurazione  e Dall’ingresso in Gerusalemme fino alla Resurrezione. A confermarlo nel 2012 è uscito, sempre per i tipi di Rizzoli, “L’Infanzia di Gesù”. Non si tratta di un terzo volume, si legge nella presentazione, ma piuttosto di un Preambolo ai due tomi pubblicati in precedenza.

Nessuno si aspetti tuttavia di trovare nell’ultimo libro di Joseph Ratzinger dei riferimenti biografici  capaci di colmare quelle rilevanti lacune che i quattro Evangeli canonici presentano sulla vita del Cristo. E’ noto a tutti infatti come il Vangelo di Marco inizi la sua narrazione con il Battesimo di Gesù che Giovanni Battista operò quando suo cugino aveva già trent’anni; mentre Giovanni Evangelista pone all’inizio del suo racconto evangelico quel mirabile riferimento al Verbo divino incarnatosi in vesti umane.

Soltanto i Vangeli di Luca e Matteo contengono alcuni scarni riferimenti all’infanzia di Gesù. Il medico siriano, il più prolisso dei due, ci narra tre singoli episodi: la circoncisione, avvenuta quando il piccolo Gesù aveva otto giorni; la presentazione al Tempio di Gerusalemme, fatta quando il divino neonato aveva già quaranta giorni; e, infine, Gesù che insegna nel Tempio dopo essere “sfuggito” al controllo dei genitori, episodio accaduto all’età di dodici anni.  Matteo dal canto suo ci informa soltanto che appena Gesù fu nato, un angelo avvisò Giuseppe di prendere il Bambino e Sua Madre e portarli in salvo in Egitto; e lo fa in una maniera così sintetica da far pensare che tale racconto sia in antitesi con quello di Luca, omettendo ogni riferimento alle due fondamentali tappe di ogni nuovo nato dei maschi di Israele: la circoncisione e la presentazione al Tempio, per l’appunto.

Orbene è proprio su questi episodi “canonici” che l’occhio profondo del teologo Ratzinger  intrattiene il lettore, applicando i due fondamentali principii di ogni buon esegeta: la ricerca del significato del testo evangelico nel momento storico della loro scrittura e una ricerca,  proiettata nel presente, tesa a verificare la veridicità e l’interesse di un testo che per i Cristiani, in prima istanza, riconduce e riconosce lo stesso Dio come Autore.

Ne segue una lettera agevole e affascinante allo stesso tempo, tesa a chiarire e ad approfondire degli episodi che, con la forza dell’abitudine, si tende col tempo quasi a banalizzare, dandone per scontato ogni significato più recondito e tralasciando di porsi degli interrogativi che invece ne arricchiscono la comprensione.

Insomma, un libro eccellente di una persona eccellente.

Certo resta inappagata la curiosità del lettore che vi cercava invece notizie sui primi trent’anni della vita di Gesù.

Ma questo non è un lavoro per teologi sopraffini e così altamente qualificati. Qui la parola deve passare ai poeti e ai narratori, che magari traendo ispirazione dagli Apocrifi, possono soddisfare finalmente la legittimità curiosità di quanti si chiedono ancora come abbia vissuto e come sia stata l’infanzia e la gioventù di questo nostro fratello così importante e così amato (che è anche nostro Dio)  chiamato Gesù Cristo Il Nazareno, che ha voluto regalarci la sua presenza di Uomo sulla terra, condividendo con noi le fatiche di nascere, vivere e morire, per poi risorgere.

Tag:, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Comments Nessun commento »