Sono stato recentemente ad un convegno  che si è tenuto a Londra nel locali della  Royal  Law Society (in pratica e in forma molto semplificata si tratta del  Consiglio dell’Ordine degli avvocati britannici). Il convegno è stato organizzato da un’importante società di avvocati italiani che esercitano la professione con grande professionalità sia in Italia (con l’abilitazione alle magistrature superiori) e sia a Londra (come solicitors), in collaborazione con l’AIGA di Londra (cioè la sede inglese dell’Associazione Italiana Giovani Avvocati).

La  società di avvocati italiani è stata fondata dai tre fratelli Gaglione Alessandro, Giuseppe and Roberto.
Il convegno aveva ad oggetto la professione dell’avvocato a Londra, prima e dopo la Brexit. In pratica ci è stato illustrato dai fratelli Gagliobne e dai loro validissimi collaboratori come ci si abilità in Gran Bretagna per la professione di avvocato.
La sala della Royal Law Society era gremita di avvocati proveniente da tutta Italia (e qualcuno, ho scoperto poi facendo amicizia, si era già stabilito con successo nella capitale britannica).
E’ stato emozionante davvero conoscere tanti colleghi.
Anche se non sono più tanto giovane ho ancora dei sogni. Uno di questi è abilitarmi per lo svolgimento della professione all’estero.
Forse sceglierò Londra e (l’Inghilterra con il Galles)  oppure  Madrid (conosco e amo infatti anche la lingua castigliana). O magari mi iscriverò al Registro degli Avvocati Europei di Londra (prima che la Brexit, semmai giungerà a compimento,  cancelli questa possibilità).
Devo ringraziare tutti gli organizzatori del Convegno, ed in particolare Alessandro Gaglione per la calorosa accoglienza ricevuta.
Il giovedì sera antecedente alla giornata dei lavori ci è stato offerto un caloroso benvenuto con un brindisi all’italiana.
Il giorno successivo, dopo la conferenza i fratelli Gaglione ci hanno offerto un tour londinese veramente emozionante a bordo di un   pullman a due piani (quelli rossi, tipici londinesi, per capirci) a bordo di un  Router Master originale .
Sottolineo che tutto era a titolo gratuito. Questo rende ancor più lodevole l’iniziativa dei fratelli Gaglione che con la loro professionalità rendono davvero onore e lustro alla nostra Italia.
Non posso chiudere questo articolo senza prima avere espresso ancora i miei ringraziamenti ai fratelli Gaglione.
Voglio inoltre esprimere il mio disappunto per il fatto che la Gran Bretagna lasci l’Unione Europea. Sono un grande estimatore del Regno Unito e dei grandi popoli che ci vivono (gli Inglesi, i Gallesi, gli Scozzesi e gli Irlandesi). Tutti insieme costituiscono una nobile  nazione, ospitale ed accogliente, dalla notevole  cultura e da un grande senso di appartenenza. Con loro avremmo potuto migliorare questa Unione Europea nella quale continuo a credere ma che mi piace sempre meno (leggo tuttavia sull’Independent di oggi che un recente sondaggio dà i Britannici favorevoli alla permanenza nella UE con una percentuale del 51% a favore dei remainers contro in 41% dei leavers).
Ma di questo avremo modo di parlare in futuro. Per adesso tanti saluti a Londra (ed ai fratelli Gaglione) e un arrivederci a presto.
Tag:, , , , , , , , , , , , , , ,


Lascia un commento

Codice di sicurezza: