Archivio Settembre 2016

Scriveva James Clark in un articolo di Welfare Magazine nel lontano 1927 che ” la questione delle punizioni corporali è indubbiamente complessa e conviene considerarla da molti punti di vista”.

L’articolo dell’articolista americano forniva lo spunto a uno dei redattori della Rivista Minerva (edita da UTET) che nel n. 21 del 1° novembre 1927, a pag. 811 affronta l’argomento in un articolo, ancora oggi attuale, dal titolo “Le punizioni corporali e l’educazione dei fanciulli”.

La vexata quaestio è talmente risalente nel tempo che anche la Bibbia, nel libro della Sapienza (e non solo) tratta l’argomento, suggerendo al genitore di usare la verga nell’educazione dei  figli, se non vuole piangere da vecchio.

Questi metodi di correzione così drastici, come è noto a quelli che hanno superato da molto gli “anta”, come lo scrivente, sono stati utilizzati sino agli anni cinquanta e non solo in famiglia o nelle famigerate case di correzione, ma anche nelle scuole dove, sin dalle Elementari, i maestri non disdegnavano di colpire  con la temuta e inseparabile bacchetta, le diverse parti del corpo degli scolari più riottosi e, talvolta, anche di quelli meno dotati, nella falsa convinzione che i colpi potessero sopperire alla carenza di una adeguata nutrizione o, peggio ancora, alla mancanza di un metodo di insegnamento più elastico e misurato.

Poi venne il grande pedagogista americano Spock che decretò il definitivo De profundis alle punizioni corporali, dando il via a un permissivismo che, al di là delle immancabili folate di nostalgia (non solo dell’epoca in cui i treni pare che arrivassero sempre in orario), sembra effettivamente poco congeniale ad una seria educazione.

Ne sanno qualcosa i poveri docenti della scuola italiana di ogni ordine e grado che quotidianamente combattono contro delle abitudini che i loro scolari e studenti hanno acquisito nell’indifferenza e nella latitanza di famiglie sempre  più  allargate e sempre meno attente, con genitori indaffarati (quando non anche separati) che sopperiscono al loro assenteismo elargendo un permissivismo a buon mercato, impreziosito da donativi generosi capaci di scaricare le loro colpevoli coscienza da ogni responsabilità.

E i risultati sono un bullismo sempre crescente, un uso smodato della tecnologia e la convinzione che il mondo possa, anzi debba, piegarsi ai loro capricci.

Naturalmente ci sono anche docenti che riescono a mantenere l’ordine in classe sequestrando i telefonini e imponendo il silenzio ai più irrequieti con continue ammonizioni (verbali e scritte) ma talvolta, di fronte al rifiuto di consegnare “l’appendice tecnologica”, necessaria a tenere i contatti con mamme ansiose e iperprotettive, non è raro che le famiglie si schierino contro l’insegnante troppo severo e “demodé”.

Così a New York il sindaco ha cominciato a concedere l’utilizzo dei telefonini in classe, vietandone il sequestro con motivazioni educative e didattiche incomprensibili per noi europei.

Chi scrive preferisce comunque l’esercizio della autorevolezza invece dell’autoritarismo dei tempi che furono, anche se è sempre più difficile conquistare e affascinare dei sedicenni sempre più avvolti da onde elettromagnetiche che riempiono l’etere (e i cervelli delle persone) di immagini così suggestive da ingannare persino la percezioni di tanti adulti, non nativi digitali, che seppure cresciuti nell’era del cartaceo e della parola, hanno preferito nutrire la loro sete di verità con immagini molto più facili da assimilare, senza alcuno sforzo e senza più esercizio critico.

Non è un caso che nei films, (non so se l’abbiate notato) anche le lezioni del grande archeologo Indiana Jones vengono interrotte dopo alcuni minuti dalla campanella che salva gli alunni dalla noia e il professore dal dovere inventare altre affascinanti attrattive.

Certo il tema delle punizioni corporali rimane ancora aperto.

Mio nonno diceva che quando ci vuole, ci vuole.

E l’adagio era riferito sia ad un sonoro ceffone alle impertinenti signorinelle, sia a un bel calcio nel sedere per  qualche pervicace perdigiorno.

Tag:, , , , , , , , , , , , , , , , ,

Comments Nessun commento »

Pare che il sogno di un’Europa Unita sia stata un’Utopia. Ecco perché mi piaceva così tanto. Io ci credevo. Adesso non saprei…

Ho visto le facce di Merkel e Hollande, oggi, a Bratislava; e Renzi che andava via sbattendo la porta.

Mi è tornata in mente un’altra scena, di qualche anno fa. La Merkel allora era con Sarkozy e ridevano parlando dell’allora premier italiano Berlusconi.

Ma noi Italiani chi siamo? Cosa siamo diventati?

Siamo dei sognatori? Continuiamo  a credere nel  sogno degli Stati Uniti d’Europa mentre gli altri ridono di noi oppure, nella migliore delle ipotesi, ci ignorano?

E questi Franco-Alemanni chi credono di essere?

Si sono già dimenticati del De Bello Gallico? Di  Giulio Cesare e delle sue conquiste di civiltà quantomeno sino al fiume Reno?

Non pensano che senza di noi forse sarebbero ancora con le corna in testa a danzare per i loro dei nelle notti di  luna?

Insomma, io chiedo almeno rispetto se non proprio gratitudine.

Oppure siamo decaduti nel più profondo degli abissi senza rendercene conto?

O meglio,  la cialtroneria dei nostri politici, fatta di stupidi scherzi nelle occasioni ufficiali, di mafia romana, di inaffidabilità, incapacità, di lingue straniere farfugliate in forma elementare e ridicola, ci ha ormai irrimediabilmente resi ridicoli agli occhi della vera politica?

Eppure non è tanto che Carlo Azeglio Ciampi dialogava  in lingua tedesca con Helmut Khol, Andreotti in francese con Jacques Chirac  e Prodi in inglese un po’ con tutti!!!

Adesso siamo in mano  ai Renzi, ai Salvini, ai Grillo, ai Giachetti, agli Alfano…

I padri europei, da Giuseppe Mazzini in poi, si staranno rivoltando nella tomba.

Ed io, come tramonta il sogno dell’Europa Unita, riscopro i giovanili sogni di una Sardegna indipendente.

Se l’ Utopia non c’è davvero, io mi aggrappo ai  sogni.

Tag:, , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Comments Nessun commento »

“Dal Mediterraneo a Firenze” è il titolo di un bel volume  di cui è autore Marco Luppi per i tipi di EunoEdizioni di Enna. Come recita il sottotitolo, il libro è una biografia storico-politica di Giorgio La Pira dal 1904 al 1952 (il libro si chiude sulla scelta che Giorgio La Pira fu costretto ad operare, nel 1952, tera la carica di parlamentare e quella di Sindaco di Firenze. Da quel momento in poi Giorgio La Pira fu soprattutto il Sindaco di poveri, il primo cittadino della Perla del mondo, come lui definì il capoluogo toscano in un celebre telegramma; ma le vicende di La Pira sindaco saranno trattate dal chiaro autore in un successivo volume).

Il presente volume inizia illuminando le origini e i primi passi della vita del grande uomo democristiano, nato nella bella Sicilia ( a Pozzallo, in provincia di Messina) e poi trasferitosi sul continente al seguito del suo primo maestro di diritto, Ugo Betti (come è noto Giorgio la Pira fu docente universitario di Istituzioni di diritto romano prima come supplente all’università di Siena e poi, come ordinario, nella stessa Siena e in altre importanti facoltà italiane).

Il libro è interessante e godibile; scritto in un italiano piano e scorrevole.

A me, sincero  appassionato cultore di studi giuridici (all’università mi piacquero in particolare gli esami romanistici e lo studio del diritto costituzionale che condussi con gradevole fatica sui libri di Costantino Mortati), del bel  libro di Marco Luppi,  ha interessato  soprattutto la parte relativa al ruolo che Giorgio La Pira svolse nell’ambito dell’Assemblea Costituente, in quei diciotto mesi in cui si gettarono le basi della nuova società italiana repubblicana.

Leggere il Capitolo III (pagg. 249-334), dedicato appunto all’impegno di La Pira alla Costituente,  è stato per me come un tuffo nel passato, quando giovane studente universitario cagliaritano, seguivo con vigile  curiosità le lezioni del prof. Umberto Allegretti, perfezionando poi la mia conoscenza del diritto costituzionale, come già detto,  sui volumi di  Costantino Mortati.

Anzi, grazie al libro di Marco Luppi, mi sono sentito come un architetto che ritrovi con piacere  le sue costruzioni preferite, non solo rivisitandone le facciate, i profili, gli abbellimenti interni ed esterni, ma studiando i progetti originari che guidarono i costruttori nell’innalzamento degli edifici.

Giorgio La Pira fu infatti tra i 75 membri della Costituente prescelti per la redazione della Carta Costituzionale e delle tre sottocommissioni in cui si divisero i redattori padri costituenti, egli fece parte dei 25  componenti  della prima sottocommissione (quella che si occupò in particolare della redazione degli articoli riguardanti le libertà fondamentali, in campo sociale, dei cittadini).

E’ stato perfino emozionante immaginare  Giorgio la Pira mentre,  a tu per tu con il comunista Palmiro Togliatti, con il socialista Basso, con il monarchico Lucifero, affiancato da Aldo Moro e da Giuseppe Dossetti, si batteva per far emergere, sulle ceneri devastanti del pensiero fascista, l’uomo, sia come individuo, sia come componente delle mille realtà sociali viventi nello Stato (famiglie, circoli, associazioni, fabbriche, aziende, attività commerciali, comitati, fondazioni, società, chiesa, comuni, provincie, regioni e così via).

A lui siamo debitori della lettera e dello spirito che permeano la formulazione dell’articolo 2 della nostra ancora valida Costituzione: «La Repubblica riconosce e garantisce i diritti inviolabili dell’uomo, sia come singolo, sia nelle formazioni sociali ove si svolge la sua personalità, e richiede l’adempimento dei doveri inderogabili di solidarietà politica, economica e sociale».

Emerge dal libro anche la grande umanità di questo nostro padre costituente. Belle le pagine in cui lo si dipinge trepidante nell’attesa dell’indomani, quando le sue idee si sarebbero scontrate con la visione opposta dei comunisti di Palmiro Togliatti. Ammirevole l’elasticità mentale di entrambi i protagonisti capaci perfino di trovare un terreno comune tra il dettato evengelico e la filosofia marxista, nel superiore e preminente interesse dell’uomo, coi suoi bisogni, le sue aspirazioni, il suo diritto al lavoro e alla giusta mercede, per il raggiungimento di una indefettibile dignità umana e sociale, a discapito di pretese supremazie statali, invadenti e totalizzanti. Mirabile sintesi di intelligenza e sensibilità umane che sanno superare perfino gli steccati ideologici.

Quanto diversi mi appaiono oggi i politici romani e cagliaritani, tutti affannati a inseguire incarichi, prebende ed onori (quando non anche bustarelle e soldi sottobanco, collidendo con i poteri occulti che stanno soffocando la gente per bene nell’indifferenza e nella rassegnazione).

A lui siamo debitori, così come lo siamo anche nei confronti di altri padri costituenti di estrazione diversa da quella cattolica di Giorgio La Pira, ma ugualmente e onestamente impegnati nel gettare le basi di un’Italia diversa e futura che, bene o male, ci ha portato ad occupare i primi 10 posti tra le potenze mondiali.

Ed oggi, con le sfide che ci attendono, in questo mondo maledettamente complicato,  globalizzato e dominato da finanzieri e potenti senza scrupoli, cosa ci rimane se non la nostra Costituzione?

Chissà cosa direbbero quei padri costituenti delle modifiche apportate all’impianto costituzionale nel 2001?  E di quelle che saremo presto chiamati a votare, nel prossimo referendum costituzionale di novembre-dicembre, approvate dal Parlamento in doppia lettura ad aprile?

Sono davvero  fatte, queste modifiche, per meglio affrontare le sfide che ci attendono, come dicono i sostenitori del “Sì”? O snaturano quella armonica distribuzione dei poteri che ci ha permesso di costruire la nostra società democratica, come dicono i sostenitori del “No”?

Lasciamo ai posteri l’ardua sentenza, mentre attendiamo che il nostro Marco Luppi pubblichi, come promesso, il secondo volume della biografia del grande Giorgio La Pira.

Tag:, , , , , , , , , , , , , , , , ,

Comments Nessun commento »

La Costante Resistenziale Sarda“, illustrava il prof. Giovanni Lilliu in un’intervista alla Nuova Sardegna di qualche anno fa , “non è una filosofia di conservazione ma un modo attivo di tutelare un’identità in movimento, di partecipare alla dinamica storica sapendo chi siamo, sapendo che non veniamo dal nulla, che abbiamo titoli e argomenti per presentarci in modo originale e moderno sulla scena del mondo”.

Grande prof. Lilliu, un altro Sardo illustre di cui sento molto la mancanza, un vero Sardus Pater, l’uomo che ha ridato la luce a “Su Nuraxi” di Barumini.

E ancora,  nella stessa intervista rilasciata al giornalista  Giuseppe Marci della Nuova Sardegna, l’ormai distante 9 maggio 1987, il prof. Lilliu dichiarava: ” La filosofia che deve animare i Sardi e la Sardegna,  subalterna e negletta, per la quale occorre trovare una logica di sviluppo, va trovata nella coscienza del valore delle genti sarde, l’alto prezzo dei prodotti che qui sono stati realizzati. Pensiamo ai nuraghi: averli edificati ha un grande significato. Esprimono una base di tecnica e di lavoro che ci mette alla pari con altre regioni mediterranee ed europee. Non siamo inferiori, abbiamo avuto una nostra originalità, dobbiamo affermarla e difenderla!”  

Parole semplici e immense, dense  di significato. Senza retorica Giovanni Lilliu ci dice chi siamo. Lasciamo stare le beghe politiche, le discussioni infinite sulla lingua sarda e i suoi numerosi dialetti. Guardiamo i nuraghi: ecco chi siamo stati e chi siamo ancora!!!

Non cesserò mai di resistere e non mi farò mai omologare, tanto meno nella indistinta insipienza italiota o anglicizzante dei nostri sciagurati tempi.

Grazie prof. Lilliu per ciò che hai fatto e per ciò che sei stato.

Con la tua umiltà e con la tua geniale grandezza hai lasciato un’orma profonda e indelebile nei nostri animi feriti.

Io non ti dimenticherò e continuerò costantemente a resistere finché Dio mi darà la forza per farlo.

Tag:, , , , , , , , , , , , ,

Comments Nessun commento »