Archivio Settembre 2010

balairatt- “Ma voi siete proprio sicuri che io sia il più a sud del continente?”- chiese il vecchi saggio sudafricano alla delegazione dei subsahariani.

I subsahariani, per giustificare la loro presenza, e la pretesa di consegnare a lui quella strana patata che tenevano in mano,  gli raccontarono questa storia.

C’era una volta uno scandinavo, che litigando con un tedesco, lo volle offendere, definendolo, in tono razzista un “sudkartoffel”; insomma, l’equivalente di “terùn”; il tedesco per rippicca si sfogò contro uno svizzero di Basilea, chiamandolo “montanaro”; lo svizzero offeso nell’amor proprio se la prese con il primo italiano che gli capitò tra i piedi; un tipo del basso comasco, o giù di lì, chiamandolo “grund ratt”; il comasco, che era un frontaliere, tornando a casa, si lamentò col suo segretario di sezione; un tipo duro, che presiedeva le riunioni bevendo acqua delle Alpi e indossando un elmo con le corna; gli disse che l’unica soluzione era sfogarsi con quelli che stanno più a sud; la frase piacque molto al comasco di frontiera che cominciò a tempestare giornali, blog, radio e televisioni locali di slogans contro quelli che stavano a sud; ma i lombardi della bassa, i marchigiani, i toscani,  i romagnoli e altri di quei paralleli  dissero che erano i romani ad essere i veri “porci” d’Italia; i Romani, con non chalance, dissero che “Terronia” era da Frosinone in giù.

Quelli di Frosinone non ci stettero e scaricarono la patata bollente agli ex del Regno delle due Sicilie; ma questi ultimi si federarono in una specie di partito leghista e presero a calci tutti i tunisini, marocchini, algerini.

I Maghrebini, che mica erano stupidi, dissero che i veri africani, scocciatori, sfruttatori, ladri di lavoro, extracomunitari, sporchi e cattivi, erano quelli subsahariani, cioè al sud del deserto del Sahara; e questi ultimi, poveretti, non poterono fare altro che indicare il punto più a sud del continente: il Sudafrica.

- ” Ecco perchè siamo giunti fino a te, Grande Capo”- spiegarono al vecchio saggio in maniera educata, ma pur sempre decisi a far valere la “nuova legge del sud” ed a consegnare la patata a lui.

Ma il vecchio saggio, gli spiegò di seguito che si sbagliavano. Infatti se fossero saliti sulla stella più vicina e da lì avessero osservato la terra, si sarebbero resi conto che la sua terra, nelle sue regolari e costanti rotazioni, ciclicamente si trovava più a nord di tutti, per poi ridiscendere a sud e poi risalire di nuovo al nord.

Quando li portò in città a farsi un giro, in effetti, i subsahariani poterono constatare che certi sudafricani erano più bianchi dei bianchi; ed anche più razzisti, in certi casi;.

I poveri subsahariani rimasero lì, alquanto interdetti, con quella patata, diventata di colpo bollente, nelle mani.

Ma il vecchio saggio li rincuorò, spiegandogli che il razzismo non dipendeva dalla posizione geografica, ma dalla temperatura del calore umano: gli uomini senza amore erano razzisti; quelli che avevano l’amore nel cuore amavano tutti i fratelli; il vecchio  saggio li congedò rassicurandoli che se avessero voluto sconfiggere il razzismo, avrebbero dovuto difendere la religione dell’amore universale. Ed ancora nei Libri più belli della Terra si legge il messaggio del vecchio saggio; ma gli uomini non amano tanto leggere i Libri e preferiscono le stupide, ingannevoli immagini della televisione che li lascia tutti nella più grande ignoranza e cecità.

Tag:, , , , , , , , ,

Comments 8 Commenti »

incesto sposiE’ noto come gli eredi al trono dei Faraoni avessero l’usanza di sposarsi con le loro sorelle. Ed è quello che è successo a due sposi irlandesi. Solo che i due innamorati(che il DM chiama convenzionalmente James  e Maura) quando si sono conosciuti ed hanno concepito il loro primo figlio non sapevano di essere fratello e sorella. La notizia è venuta fuori quando  la madre di Maura, nell’ascoltare i dettagli riguardanti il suo futuro genero, ha capito che egli era proprio il frutto di un suo amore giovanile, frettoloso e poco solido (attribuito però disonestamente all’inconsapevole marito, con cui si sposò  già incinta e di cui James porta tuttora il cognome, dato che il Tribunale a cui si è rivolta l’anziana madre, pur riconoscendo, attraverso l’esame del DNA,  l’erronea  paternità attribuita alla nascita a James, non ne ha voluto sapere di legittimare il disconoscimento, argomentando che un tardivo disconoscimento non fosse fruttuoso per l’equilibrio psicologico dello stesso James).

I due innamorati incestuosi sono dovuti però scappare dall’Irlanda per rifugiarsi in una località sconosciuta (dato che la loro relazione è illegittima e costituisce reato anche in Irlanda), tanto più che Maura, essendo incinta di un secondo figlio, d’accordo con James, non intende rinunciare a un amore che, al contrario di altri precedenti, costituisce una passione inestinguibile e viva tutt’ora.

Insomma, sembra una storia di fantasia, se non fosse terribilmente vera.

Per saperne di più

http://www.dailymail.co.uk/news/article-1315307/emailArticle.html

Tag:, , , , , , ,

Comments 5 Commenti »

centenarian

Molti se ne avvarranno per giustificare la loro condotta poco ligia ai consigli dei medici e dei salutisti.

Altri si indigneranno, gridando alla disinformazione e all’incitamento verso le cattive abitudini.

Qualcuno annuirà soddisfatto accendendosi con gusto l’ennesima sigaretta.

Mio padre, se fosse vivo, riproporrebbe una sua simpatica barzelletta:

“Un uomo sta per compiere cento anni. Tutto il paese si mobilita per lui. Anche la televisione e la stampa, desiderosi di far conoscere a lettori e telespettatori il segreto di cotanta longevità, si recano nella sua bella casa con giardino, a due piani, per intervistarlo. Dopo la cena, una volta spente le canoniche 100 candeline, inizia l’intervista.

-” Ma lei fuma?”

-” Volete scherzare? Mai fumato in vita mia?”

-” E beve vino, birra, superalcolici?”

-” Quando mai? Solo acqua minerale, non gassata, a temperatura ambiente! ”

-” E sul mangiare cosa ci dice?”

-” Tutta roba senza sale, minestrine e semolini, frutta, verdura, carni bianche;”

-” Sintetizzi dunque per chi ci ascolta il segreto della sua longevità”

-” E’ semplice: mangio sano; medici e medicine sempre a portata di mano; rientro presto la sera; mi alzo all’alba; faccio colazione; curo il mio giardino e………”

A questo punto un frastuono assordante proveniente dal piano superiore costringe il vecchietto ad interrompersi. I giornalisti ed il pubblico presente, spaventati, chiedono al vecchietto che cosa sia quel frastuono che prosegue insistente.

-” Non vi preoccupate”- li tranquillizza il vecchietto-”è mio padre che rientra ubriaco  dopo i suoi bagordi, anche stanotte!”

http://www.dailymail.co.uk/news/article-1314975/emailArticle.html

Tag:, , , , , , , , , , , ,

Comments 8 Commenti »

nail olympicsIndubbiamente un po’ meno eufonico in lingua italiana, ma “Le Olimpiadi delle Unghie” attraggono ogni anno anno interessanti giri d’affari e migliaia di visitatori in Gran Bretagna, tutti appassionati, chi più, chi più meno, dall’arte di decorare le unghie.

Si passa da semplici decorazioni artistiche, a vere e proprie protesi di allungamento, tutte comunque caratterizzate dall’amore per l’Arte.

Insomma una nuova forma d’arte che non è solamente vanità tipicamente femminile.

Per saperne di più:

http://www.dailymail.co.uk/femail/article-1314758/emailArticle.html

Tag:, , , , , , , , , ,

Comments 10 Commenti »

mamuthoneNaturalmente si tratta di una provocazione anche se c’e un fondo di verità. La professoressa e archeologa bulgara Dimitrina Mitova Gionova, ha scoperto un pozzo sacro, risalente al XIV sec. a.c.  a 50 km da Sofia, nel paese di Garlo, molto simile per misure e tipologia a quelli  di Ballao e di Settimo San Pietro, in Sardegna. Il sito, di notevole interesse può essere visitato con l’ausilio di guide specializzate. La stessa archeologa, che è stata in Sardegna  nel 1982, per studiare i vari pozzi sacri sardi e la cultura nuragica, ha scritto interessanti libri, riuscendo a dare alcune spiegazioni “non classiche “ sull’origine dei Sardi e dei nuragici in genere, fino allo studio e la comparazione dei bronzetti nuragici con alcuni testi del vecchio testamento e interessandosi dei kukeri ( mamuthones bulgari)……

E’ sufficiente confrontare le immagini dei Kukeri bulgari con quelle dei Mamuthones sardi per capire.

La mia mente va agli scritti di Leonardo Melis (Shardana: i popoli del mare; I principi di Dan; ecc,) in continua rotta con gli storici canonici per riaffermare le peculiarità della storia sarda. Ma mi viene in mente anche –Cicitu Masala, il grande poeta e scrittore della sardità misconosciuta e maltrattata dagli storici romani (i vincitori) a danno di noi Sardi (i vinti), il popola dalla lingua tagliata.

Strano ma vero…anche in Bulgaria come in Sardegna esistono i mamuthones, naturalmente non si chiamano cosi, ma Kukeri.

Anche i loro fanno delle danze e dei giochi particolari per far suonare i campanacci che hanno sulle loro spalle. Secondo la stessa Professoressa   Gionova i kukeri hanno origine dagli antichi culti dionisiaci antesteri. Lo testimoniano  le terrecotte ritrovate nell’antica necropoli di Sozopo – Mar Mero, datate V-III sec. a.c. che l’archeologa  ricollega ai misteri di Astarte – dea sumero-accadica e secondo lei  rappresentati dai bronzetti nuragici del VIII-VI sec. a.c. Anche sui kukeri la stessa ha  scritto  diversi libri, alcuni dei quali   di prossima pubblicazione in italiano.

Per saperne di più:

http://www.dummys.it/Sardica/Italiano/index.html

Tag:, , , , , , , ,

Comments 7 Commenti »

CTR58121

Adesso è una verità scientificamente appurata. I Sette Nani avevano ragione! Fischiare durante il lavoro, allevia la fatica. Peccato per i magistrati, per i preti, per i dentisti e per gli insegnanti! Questi ultimi, però, potranno rifarsi correggendo i compiti e preparando le lezioni a casa.

Per saperne di più:

http://www.dailymail.co.uk/sciencetech/article-1313993/emailArticle.html

Tag:, , , , , , , , , , ,

Comments 10 Commenti »

mcdonaldUn disoccupato di 25 anni mette incinte 14 ragazze in meno di 10 anni. Ci sarebbe da gioire (per le nuove vite che ringiovaniscono un mondo vecchio) se la vicenda non inducesse invece a ben altre, tristi considerazioni.

Intanto su di lui. Ma è possibile che questo ragazzo non abbia imparato neppure l’ABC  dei sentimenti? Possibile che non abbia appreso il significato dell’amore, della famiglia, della paternità responsabile, del rispetto per la donna?

Possibile che nessuno gli abbia insegnato l’uso del preservativo, ed ancor prima, l’idea di un sesso responsabile ed affettivamente consapevole?

Poi loro, le 14 ragazze. Tutte incontrate, agganciate e circuite alla fermata del pullman.

Ma queste ragazze, di questi tempi, fanno l’amore con un ragazzo conosciuto occasionalmente, senza protezione contro le terribili malattie in circolazione, al punto da restare incinte? E perchè concedersi così facilmente e superficialmente? Perchè non aspettare la nascita di un sentimento solido? La crescita di un rapporto solido?

E se non fossi un genitore; se non sapessi quanto sia difficile esserlo, passerei anche ad esaminare le eventuali colpe dei genitori di lui, ma anche di quelli delle 14 ragazze vittime e complici di questo fannullone senza pudore e senza freni.

Poi passerei ad analizzare le responsabilità di una società dove il sesso è diventato merce di consumo “usa e getta”, dove la televisione inneggia al sesso come divertimento e come emancipazione e sdoganamento dal mondo dell’adolescenza a quello degli adulti; dove a scuola è ancora tabù l’educazione sentimentale e l’educazione sessuale e dove le notizie si apprendono spesso da compagni che ne sanno meno di quelli che ricevono i consigli ed i suggerimenti.

Insomma, questa del 25enne Keith McDonald mi sembra una vicenda inquietante ed emblematica (pur nella sua, forse inarrivabile esagerazione) di una società incapace di educare i giovani correttamente.

In tutti i sensi.

Per saperne di più:

http://www.dailymail.co.uk/femail/article-1313782/emailArticle.html

Tag:, , , , , ,

Comments 8 Commenti »

landiniQuando ero giovane m’infiammavo facilmente. Mi bastavano poche idee, degli slogans, anche se magari rinviavano a delle utopie. Ma io m’infiammavo. Soprattutto se intravvedevo dietro quegli slogans delle ingiustizie perpetrate dai potenti a danno dei poveri: “il lavoro è dignità e non sfruttamento” era uno di quegli slogans che  allora (erano i mitici ’70, ancora pervasi dal fuoco libertario dell movimento sessantottino) mi fecero ardere di sdegno;  per la protervia dei padroni che, con il potere dei loro soldi, credevano di potersi permettere tutto: assumere e licenziare a piacimento; chiedere alle operaie, alle impiegate e alle donne in genere, prestazioni sessuali usa e getta, in cambio del lavoro; ; prendere i soldi pubblici e spenderli per i loro vizi.

A da’ venì baffone!” gridavano quelli che si erano messi a capo degli umili e degli sfruttati, per guidare il loro riscatto sociale e civile.

E venne baffone! In Ungheria c’era già stato; ed anche a Praga; e per fortuna che il fronte di Vienna resistette anche a quel terribile urto, a quella marea disumana che si chiama comunismo. Ma questo si seppe solo dopo, quando cadde la cortina di ferro, e con esse la retorica e l’ipocrisia di un regime che avrebbe dovuto riscattare  il proletariato e invece aveva ucciso e travolto proprio gli umili, calpestando la loro dignità ed esaltando i protervi travestiti da capipopolo, con la tessera comunista ed egualitaria  in tasca,  ma bramosi di potere quanto i capitalisti, ma molto, molto più assetati di sangue, spietati, senza scrupoli e senza Dio (parlo di Stalin, di Mao Tse-Tung, di Fidel Castro, di Ceacescu, di Honecker, ecc. ecc.; l’elenco è solo indicativo e rappresentativo).

E quando sento alla TV Landini, snocciolare a favore degli operai e contro i capitalisti, quegli stessi slogans di 40 anni fa, le fiamme del passato sembra stiano per avvolgermi ancora e per un momento l’antico sdegno sembra fremere in me, a favore degli ultimi, degli umili, dei poveri e contro i prepotenti ed i protervi di ogni tempo.

Ma è solo un attimo. Poi rifletto. E mi chiedo: ma cosa c’è, di concreto, dietro quegli slogans? Qual’è il modello che il segretario della FIOM propone in alternativa al capitalismo rampante e neo-liberista di Marchionne che, comunque sia, promette almeno posti di lavoro e benessere materiale?

Se il suo modello è il comunismo, allora io rispondo: “No, grazie! ”

Tanto più che i comunisti (ad esempio i cinesi) sono proprio gli stessi che hanno imposto a Marchionne di tentare il tutto per tutto, chiedendo l’abolizione della lotta di classe e della contrapposizione operai-capitalisti, per cercare di arrestare,  insieme, la spietata avanzata dei capital-comunisti dagli occhi a mandorla.

Se invece Landini proponesse una terza via, che superi la contrapposizione delle classi sociali, non più in nome di ideali che si sono mostrati un rimedio  peggiore del male che volevano combattere (parlo del comunismo “falce e martello” e del capitalismo che idolatra il “dio quattrino”),  mettendo al centro del sistema economico l’uomo, con i suoi bisogni, con le sue irrinunciabili istanze di libertà (anche e soprattutto economiche) e se, riconoscendo la proprietà privata, inneggiasse alla dignità dei lavoratori in nome di Dio e del Vangelo, allora, forse mi infiammerei ancora; e con me molti altri si infiammerebbero ancora.

Ma pur avendo seguito l’intervista di Landini per tutta la mezz’ora di durata del programma di Lucia Annunziata, credo di aver capito che dietro quegli giusti slogans ci sia il vuoto ideologico; o peggio ancora, un’ideologia che la storia ha condannato definitivamente e che sarebbe meglio abbandonare a favore di altre vie.

Sempre che si voglia  veramente il riscatto degli umili e non, dico per dire, occupare poltrone e posti di comando. E sempre che quegli umili,(cioè  il popolo), vogliano  davvero seguire i tuoi passi e non, dico per dire, tenersi un posto di lavoro sicuro e veramente dignitoso.

Tag:, , , , , , , , , , , ,

Comments 4 Commenti »

lemure2“Scherzavo! Il leone Zinzi è il mio migliore amico! Ciao!”

Scopri altro:

http://www.dailymail.co.uk/

Tag:, , , , ,

Comments 8 Commenti »

pietre magiche

Hanno un non so che di magico queste sculture realizzate con delle semplici pietre e senza l’uso di collanti.

“Il segreto”- spiega l’artista inglese Adrian Gray- “sta nel trovare il punto di equilibrio; non c’è trucco fotografico, nè inganno alcuno; solo abilità tattile nello scegliere le pietre dalla forma giusta e bilanciarle correttamente.

Per saperne di più

http://www.dailymail.co.uk

Tag:, , , , , ,

Comments 12 Commenti »

ecoturismo1

E’ una nuova forma imprenditoriale che sta prendendo piede.  Consiste nell’accompagnare turisti in località incotaminate affinchè essi possano godere dello spettacolo della Natura.

Questo spettacolo a volte può anche avere a che fare con episodi di vita e di morte.

Le circostanze immortalate nella foto, per fortuna, dimostrano che questa volta la vita ha vinto sulla morte.

Per saperne di più:

http://www.dailymail.co.uk/

Tag:, , , , , , , ,

Comments 5 Commenti »

twinT2

Solevo salutarti

Dieci alle Nove

Poi ci lasciammo

Giusto a metà strada

Tra le Torri Gemelle

Lavoravamo entrambi

All’87.mo piano:

tu nella Torre Nord

io nella Torre Sud

Dieci minuti,

il tempo per l’ascensore

di portarmi su

e di vederti ancora

attraverso i vetri

delle Torri Gemelle.

Ma quell’11 settembre

Dovetti attendere

Venti minuti,

venti lunghi, orribili,

maledetti minuti

guardando il fumo

le fiamme, l’inferno!

Adesso siamo riuniti ancora

Per sempre

Come materializzati

Nella originaria forma di Dio.

Manhattan 9/11/2001

Tag:, , ,

Comments 2 Commenti »

psiA metà degli anni ’80 venni eletto consigliere comunale al mio paese, in Sardegna, nella lista del Partito Sardo d’Azione (uno dei pochi partiti di allora che ha mantenuto ancora oggi statuto, nome e simbolo inalterati).

Su 20 consiglieri noi ne avevamo due, due ne aveva il PSI (che all’epoca aveva ancora la Falce ed il Martello nel simbolo), la DC (oggi quasi inesistente)ne aveva otto, il partito comunista (che con la svolta della Bolognina si chiamerà PDS) ne aveva sette e uno lo aveva il MSI (che poi si chiamerà, dopo Fiuggi, Alleanza Nazionale).

Noi Sardisti avevamo voglia di cambiare in meglio la politica; i democristiani e i socialisti si dissero disponibili al cambiamento e, siccome insieme raggiungevamo la maggioranza assoluta, entrammo in Giunta.

Quando però ci accorgemmo che il cambiamento stentava ad arrivare, uscimmo dalla coalizione di Giunta, promettendo un appoggio di volta in volta.

Senza volerlo (non eravamo grandi esperti di politica, io ed il mio collega Sardista, ma entrambi di prima nomina, idealisti, preparati culturalmente, ma  inesperti) eravamo diventati l’ago della bilancia: senza di noi la Giunta a l governo del paese non aveva la maggioranza.

Che cosa inventarono allora i  due socialisti? (che, secondo me, all’epoca, erano i più furbi e smaliziati di tutti).

I socialisti dichiararono che avrebbero tolto la fiducia al sindaco democristiano e lo avrebbero fatto così crollare.

Il capo-gruppo socialista in Consiglio era un mio amico di infanzia e, fuori dal consiglio, davanti ad un caffè, gli chiesi che razza di gioco stesse giocando.

Mi strizzò l’occhio e mi disse: ” Adesso voi non siete più l’ago della bilancia, ma lo siamo diventati noi. E non ci fate più paura, perchè possiamo sfiduciare il Sindaco in qualsiasi momento.

Conclusione: non ho letto a fondo le cronache politiche di questi giorni, ma mi pare che nessuno dei commentatori abbia colto in pieno il significato politico della Lega quando il suo leader Bossi ha dichiarato che voleva sfiduciare Berlusconi.

In realtà secondo me non l’ha mai neppure pensato seriamente. Anzi, deve avere  concordato con lo stesso Berlusconi la dichiarazione (fatta all’indomani di uno dei tanti incontri di Arcore).

Il messaggio ai Finiani è chiarissimo: “In realtà voi non contate un accidente di niente; siamo noi, casomai, che possiamo sfiduciare il Governo, con voi o senza di voi!”

Sorprende che nessuno, all’opposizione, se ne sia reso conto.

Già! La vera politica, oggi, non la fa quasi più nessuno. Oggi si fanno soltanto affari.

Tag:, , , , , , , , ,

Comments 8 Commenti »

igino giordani 2-” Voglio esprimerti la mia gratitudine di Uomo, di Italiano, di amico, per te, che pur non essendo della mia parte, ti sei alzato coraggiosamente in piedi, in quell’aula di Montecitorio da troppi anni funestata di odio, per dire solo parole di saggezza, di comprensione, di fratellanza, parole d’amore per tutti, per la salvezza del nostro Paese………”

“…………….. si riprenda il dialogo all’interno, ci si parli vicendevolmente con onestà d’intenti, non si cerchi nelle parole dell’avversario quello ch ‘potrebbero nascondere’, non si facciano più processi alle intenzioni……..”

Questi due brani, così attuali, sono estrapolati da una lettera che il deputato comunista Gino Lubich scrisse al suo collega deputato, ma avversario di partito, in quanto democristiano, Igino Giordani nel lontano 1950.

Come Italiano che non è,  e non è mai stato nè comunista, nè democristiano, mi chiedo con rammarico dove siano oggi simili figure di politici, capaci, in nome dell’amore per l’Italia e per il bene comune, di andare al di là degli schieramenti partitici e degli squallidi interessi di bottega.

Quanto avremmo bisogno di personaggi politici del calibro di Gino Lubich e di Igino Giordani!!!!!!

Grazie Lubich, grazie Giordani per avere contribuito a creare l’Italia dell’amore e della solidarietà!

Il testo integrale della lettera di Lubich a Giordani è pubblicata sul numero 7 del 10 aprile 2010 della rivista del Movimento dei Focolari, di cui Igino Giordani fu uno dei dei  fondatori e collaboratori più stretti.

Tag:, , , , , , ,

Comments 5 Commenti »

angelo vassallo2….ignorato da morto.  Ho notato con disappunto che all’assassinio del sindaco di Polliica,  Angelo Vassallo,  non è stato dato il dovuto spazio sui  mass-media.

Non capisco perchè un fatto così grave non abbia trovato la sua giusta eco su televisioni e giornali.

Eppure il fatto di sangue è gravissimo. Qui non si tratta dell’uccisione di un uomo qualsiasi (fatto di per sè comunque  estremamente grave); ciò che rende inspiegabile l’assordante silenzio dei mezzi di comunicazione di massa è la circostanza che Angelo Vassallo era un Sindaco, un rappresentante eletto dal popolo, ucciso, per di più, a quanto pare, proprio a causa del suo alto ruolo istituzionale nel paese di Pollica, ridente centro marino del Cilento, nel Salernitano.

Cosa sta succedendo? Perchè la morte di questo servitore del suo popolo non interessa il mercanti delle notizie?

Io non ne faccio questione di destra o di sinistra. Ma se crediamo ancora nei valori della democrazia (e le sei o sette reti televisive nazionali più importanti ci propinano ogni giorno, a tutte le ore, le loro compite lezioncine sull’importanza della democrazia, sulk valore del voto dato a quel politico o a quel partito, sull’importanza delle istituzioni e così via discorrendo.

Ma a nessuno di loro sembra interessare perchè un rappresentante del popolo sia stato ucciso e da chi.

Un uomo ucciso sul campo, nella pienezza delle sue funzioni, in quel Sud martoriato dalla malavita organizzata, che vuole gestire e di fatto gestisce il territorio.

E guai a chi vi si oppone!

Dove sei Stato? Dove siete alfieri della notizia e della democrazia a buon mercato?

Già! Dimenticavo. Forse non bisogna parlare troppo della camorra, per non guastare l’immagine dell’Italia all’estero.

Ma almeno in Italia, questa notizia merita di essere diffusa e soprattutto di essere analilizzata a dovere.

Anche per rispetto di coloro che Angelo Vassallo lo amavano davvero.

Tag:, , , , , , , , , , , ,

Comments 2 Commenti »

merlin2E’ di oggi la notizia che a Roma è stata scoperta una casa di appuntamenti erotici dove due colombiane, anche esse prostitute, guadagnavano sino a 30.000,00 euro mensili, con prestazioni da 400 € a “botta”, il tutto, naturalmente, esentasse.

Personalmente sono contro la prostituzione e mi vanto di non avere mai praticato il sesso a pagamento, neppure da militare. Preferisco l’astinenza.

Però non mi va di imporre il mio punto di vista agli altri.

E capisco che c’è un mercato ed un’offerta perchè vi è tanta, troppa domanda.

Lascio ai sociologi ed agli psicologgi indagare il perchè.

Io in tempi di crisi faccio due conti  ed un ragionamento: perchè non sottoporre tuttoal rigido controllo sanitario ed ispettivo dello Stato (o delle Regioni, visto che il federalismo è di moda), incamerando i tributi relativi ai guadagni, eliminando i papponi ed i magnaccia e tirando fuori dal giro chi lo fa per bisogno e non per vocazione?

Tag:, , , , , , ,

Comments 6 Commenti »

Sakinè…peccato scagli la prima pietra contro Sakineh e tutte le condannate alla lapidazione!

Ho sognato che sorgeva un profeta nell’Islam, e che si ergeva in faccia ai nuovi farisei dalla sentenza facile: pasdaran, ayatollah, basiji, politicanti, trafficoni, fanatici, formalisti, interpreti della legge e che gridava ad alta voce: “Se siete così puri, come dite di essere, e se non avete peccati da nascondere, cominciate a scagliare, qui e subito! Vi ho portato anche una, dieci, venti televisioni perchè vi riprendano mentre giustiziate questa donna dall’animo impuro, voi, colombe senza peccato! E che il mondo vi veda mentre, scagliando le vostre pietre, confessate a tutti di essere integri, senza peccato, immacolati! Ma se non lo siete, voglio che il sangue di questa donna ricada su di voi e sui vostri figli!”

Ho sognato un mondo dove i Cristiani, gli Ebrei e i Musulmani si riconoscevano per quello che sono: fratelli e figli dell’Unico Dio vivente. E che per  ogni nuova Moschea europea, sorgeva una Chiesa Cristiana in Oriente ed i popoli dei libri della legge dialogavano tra loro per la pace.

Poi mi sono svegliato ed ho sentito i nostri politici europei negare vigliaccamente di essere Cristiani, in nome dell’affarismo, del comunismo, di un frainteso laicismo che lascia un grande vuoto nei cuori e negli animi della gente!

L'adultera

Un vuoto che qualcuno, soltanto qualche giorno fa, ha detto di voler riempire con la sua religione.

Ma se odo dire che niente può entrare in qualcosa che non c’è più, lasciatemi dire che qualcosa ben potrebbe riempire il vuoto dell’anima rimasto adeguato presidio spirituale.

Continuate a fare i vostri affari, politici e politicanti!

Intanto Sakineh e le altre agnelle sacrificali attendono il giudizio della pietra, mentre voi contate i vostri petrodollari!

Tag:, , , , , , ,

Comments 3 Commenti »

Hanama and friends

- Ho detto “sorridi”, piccolo Skukuza! Quel cameraman è un mio caro amico!

- Sì, papà Hanama, ma mi fa innervosire quella lucetta rossa!

http://www.dailymail.co.uk/news/worldnews/article-1308487/emailArticle.html

Tag:, , , , , , , ,

Comments 6 Commenti »

premio campielloMonta la polemica per la battuta di Bruno Vespa sulla profonda ed accattivante scollatura di Silvia Avallone alla serata di premiazione del Campiello 2010.

La vincitrice Michela Murgia, con veemente coraggio, ha attaccato il Vespone Nazionale per il suo complimento alle grazie femminili che la seconda classificata esibiva con evidenza ed abbondanza, esponendosi alle inevitabili cattiverie che le pioveranno addosso (stamane, ad es., un’emittente regionale, ironizzava sulk fatto che un commento sulla scollatoire della Murgia nessuono lo avrebbe mai fatto!).

L’interessata non sembra essersi offesa più di tanto per i complimenti di Vespa, anzi, in un articolo apparso sul Corriere della Sera di oggi sembra quasi giustificare il malizioso e (forse anche) pruriginoso presentatore .

I soliti moralisti e farisei hanno attaccato Bruno Vespa promettendo di boicottare il suo “Porta a Porta”(io non ho avuto bisogno di questo episodio, per farlo).

Un famoso comico romano, fuori dai denti ha commentato : “A me, me piace!”

Io provo grande simpatia per Michela Murgia e sono contento che abbia vinto il premio Campiello. Non ho visto il programma e non amo in generale la TV, soprattutto quella di Bruno Vespa.

Penso anche che se Silvia Avallone si è presentata con una simile scollatura, forse ci sarebbe rimasta male se nessuno l’avesse notata (non so, dico per dire, magari ha speso dei soldi per potersela permettere; oppure è una sua dote naturale e lei è contenta di esibirla).

Sono cattivo? Forse. Però smettiamo di essere ipocriti tutti quanti: è giusto essere liberi di vestirsi come si vuole, purchè non si offenda la pubblica decenza; e nessuno si permetta di sostenere che la moda ed il vestire sono una giustificazione per i maniaci sessuali e/o per i guardoni maschilisti e molestatori; ma certe donne si vestono in un certo modo per attirare l’attenzione e quindi un commento, purchè educato, garbato e con le mani aposto, ci sta più che bene, soprattutto se chi lo riceve è consenziente!

Comments 3 Commenti »

spamIn Italia le tipologie di truffa on line sono soltanto sei, mentre negli USA, in Spagna e in Gran Bretagna sono 12 e anche più. Non so se esserne orgoglioso, come Italiano, o se devo vergognarmi. Sembra infatti che il motivo risieda nel fatto che in Italia siamo abbastanza scafati, per cui sia più difficile operare quei raggiri tipicamente legati all’uso di Internet. Se l’interpretazione è corretta, allora permettemi di esprimere la mia italica soddisfazione.

Leggendo però l’articolo di Federico Cella (cui al link sottostante) c’è spazio anche per un’altra interpretazione, che però io ritengo erronea e  superata.

La diversa  interpretazione nasce dal riferimento che l’articolo fa al famoso film in cui Totò vendeva la fontana di Trevi ad uno sprovveduto ed ingenuo americano (che non vorrei ricordare male, ma era un italo-americano).

Questa interpretazione, ovviamente,  non mi inorgoglisce affatto, perchè sembra sottintendere, o comunque implica come corollario logico, che una parte delle truffe e degli imbrogli on line partano dall’Italia verso quei Paesi che subiscono un maggior numero di tipologie SPAM.

Ma a parte che ormai bisognerebbe fare un film dove sono gli americani che ci bidonano, vendendoci  i loro sub-primes, junk-bonds e titoli spazzatura vari (ciò che corrisponde alla triste realtà di questi ultimi anni), io preferisco pensare che gli imbroglioni e truffatori on line(in gran parte nigeriani ed africani in genere; ma anche gli americani, i russi ed i cinesi non scherzano) ritengono di avere più possibilità di fare centro con gli americani, gli spagnoli e gli inglesi!

E questo, se permettete, è un punto di orgoglio!

Comunque leggetevi l’istruttivo articolo del Corriere della Sera linkato di sotto e OCCHIO ALLE TRUFFE!

javascript:apriInviaPost(‘http://vitadigitale.corriere.it/2010/08/spam-mcafee-malware-phishing.html’);

Comments 9 Commenti »