Archivio Aprile 2010

goldfishIn Gran Bretagna una legge del 2006, emanata a tutela degli animali, fa divieto a chiunque di vendere qualsiasi animale a un minore degli anni 16.

Per verificare l’osservanza della norma degli ispettori inviano un ragazzino di 15 anni in un negozio di animali domestici con l’incarico di chiedere che gli sia venduto un pesciolino rosso.

Il figlio della titolare, ingannato forse dall’apparenza, vende un pesciolino rosso da una sterlina e mezzo all’inviato degli “agenti provocatori”.

Madre e figlio vengono condannati da un giudice locale: la prima ad una sorta di arresto domicilare per 4 settimane(con permesso diurno di recarsi a lavoro ma con applicazione di braccialetto elettronico per il controllo dei movimenti); il secondo a 12 mesi di servizio sociale.

Ma in appello le condanne vengono sospese e i due condannati soltanto al pagamento di £ 1.750,00 per spese legali (per le quali l’appello non era stato presentato dai due).

Tutto è bene quel che finisce.

La donna, un’arzilla nonnina di 66 anni, dopo la sentenza assolutoria, ha dichiarato che festeggerà recandosi al concerto di Rod Stewart, di cui aveva paventato l’impossibilità di assistervi a causa dell’iniqua condanna.

Per saperne di più:

Leggi l’articolo di James Tozer
sul DM on line del  30 Aprile 2010

  •  A grandmother branded a criminal for selling a goldfish to an underage boy yesterday had her sentence overturned.

Joan Higgins, 66, had been caught in an undercover sting by trading standards officers, hauled before a court, and forced to wear an electronic tag.

Her plight caused widespread astonishment, with supporters calling the case against her ‘ludicrous’.

 Scales of justice: Joan Higgins and her son Mark – who had been given a 120-hour community service order – celebrate after a judge ordered her electronic tag to be removed. She was made to wear it after being caught selling a goldfish to a person under the age of 16. Mark’s sentence has also been quashed

Yesterday she won her legal battle to have the electronic tag removed and an overnight curfew scrapped.

A judge described the punishment as ‘inappropriate’ for ‘a respectable lady with no previous convictions’.

Mrs Higgins declared the decision ‘a victory for common sense’ – and said she would celebrate by going to play bingo with her sister and attend a Rod Stewart concert she had feared she would miss because of the curfew.

She added: ‘The Daily Mail has been wonderful and I cannot thank them enough for all their support.

‘We have always said that it was ridiculous to tag a 66-year- old, law-abiding pensioner and I am just grateful that common sense has prevailed at last.’

Her ordeal began when Trafford council officials sent a teenager to Majors Pet Shop in Sale, Greater Manchester, to make a purchase.

They wanted to test whether new laws making it illegal to sell pets to children under the age of 16 were being adhered to.

 

No more curfew: Joan Higgins in her pet shop in Sale, Manchester

It emerged yesterday that the boy they sent was 15 years old – not 14 as first thought – and at 5ft 7in could easily have been mistaken for an older teenager.

Mrs Higgins’s son Mark, 44, sold him a goldfish for £1.50 without questioning his age or providing any information about the care of the fish.

Mrs Higgins, as the licence holder, and her son were charged with breaching the Animal Welfare Act 2006. They were also accused of causing unnecessary suffering to a cockatiel at the shop by failing to provide appropriate care and treatment. 

 

Creature comforts: Major’s Pet shop in Sale, owned by Joan and Mark Higgins

They pleaded guilty at a magistrates court and Mrs Higgins was given a community order with a curfew requiring her to stay home between 6pm and 7am for seven weeks, enforced by an electronic tag.

Her son was ordered to carry out 120 hours’ community service.

However, following an outcry, they went back to court to have their punishments quashed. Their barrister, Lisa Roberts, praised Mrs Higgins’s commitment to animal welfare.

‘In 28 years of running her shop, there have been no attempts to prosecute her and no threats of prosecution,’ she told Minshull Street Crown Court, Manchester.

‘It is up to the local authority to use the regulations proportionately and not use a sledgehammer to crack a nut. To place a 66-year-old woman with a tag for the offence of selling a goldfish to a 14-year-old is beyond belief.

‘It is a sentence usually reserved for recidivist youths whose pastime is to burn other people’s homes at night.’

Judge Smith quashed the curfew on Mrs Higgins, as well as the community service order on her son because of his poor health. Instead he imposed a 12-month conditional discharge on both.

The tag was removed last night at Mrs Higgins’s home. She and her son have already paid prosecution costs of £1,750 and these were not challenged.

Read more: http://www.dailymail.co.uk/news/article-1269842/Grandmother-tagged-selling-goldfish-14-year-old-wins-battle-tag-removed.html#ixzz0mYrexRGv

Comments 2 Commenti »

deadmotherLa pittrice  inglese Daphne Todd ritrasse la madre   nei tre giorni seguenti il suo decesso, mentre ancora giaceva c/o l’Agenzia Funebre incaricata per le  incombenze funerarie.

Adesso il suo quadro è stato selezionato ed è in lista per vincere 25.000,00 sterline inglesi di premio messe in palio dalla National Portrait Gallery grazie ad un finanziamento della BP.

Insomma l’arte non ha confini, nè soggetti obbligati da ritrarre e può esprimersi in tutte le direzioni.

Per saperne di più:

Ms Todd said she carried on with the work until she began to feel uncomfortable.

Three artists have been shortlisted for the BP Portrait Award, an international arts prize that received a record 2,177 entries this year.

Ms Todd took second place in the gallery’s Portrait Awards in 1984.

The other two artists this year are David Eichenberg, 38, and Michael Gaskell, 46.

American artist Eichenberg is shortlisted for Tim II, which shows his friend, sculptor Timothy A Stover, seated at work in an old warehouse in Toledo, Ohio.

Gaskell won second prize last year. Originally from Sheffield, he recently relocated to Leicester and only got to know his subject, Harry, when he agreed to sit for him.

Having seen Harry while he was out shopping with his family, the artist was persuaded to approach him by his wife.

The portrait, titled Harry, was completed in a ‘short burst’ of intense work last winter.

National Portrait Gallery director Sandy Nairne is chairing the judging panel and described entries as ‘another outstanding year’.

For the fourth year there will also be a BP Young Artist Award of £4,000 for the work of an entrant aged between 18 and 30.

The overall winners will be announced on June 22.

Fifty-eight portraits have been selected for an exhibition of entries at the National Portrait Gallery which will runs from June 24 to September 19.

Comments 4 Commenti »

hearticle-1269681Una mano invisibile e lontana ha operato chirurgicamente,  per la prima volta al mondo,un cuore  correggendolo da irregolarità  di funzionamento (in pratica serie aritmie cardiache)  non altrimenti risolvibili.

Si tratta di un nuovo strumento tecnologico progettato negli Stati Uniti consistente in un braccio robotico  che  aziona a distanza, un sondino intravenoso assai poco invasivo.

Una sonda, lunga poco più di 90 cm e larga appena 6 mm, capace di correggere i tessuti e le fibre del  muscolo cardiaco  responsabili del difettoso e pericoloso funzionamento del battito cardiaco.

Kenneth Crocker, un ex-postino inglese di 70 anni si è sottoposto volontariamente alla innovativa operazione chirurgica.

L’operazione è andata a buon fine con successo.

Per saperne di più:

British man has world’s first heart operation using remote control-operated robotic arm

By Fay Schlesinger

A British pensioner yesterday became the world’s first patient to have heart surgery using a fully remote-controlled robotic arm, doctors said.

Kenneth Crocker, 70, underwent the successful operation to correct an irregular heartbeat at the Glenfield Hospital in Leicestershire.

The 3ft robotic arm pushed a thin surgical tube into Mr Crocker’s body while the surgeon – sitting in a separate room – used remote control to steer it through a vein into the heart to correct faulty tissue fibres.

 Willing guinea pig: Kenneth Crocker before undergoing his pioneering heart surgery

The painstaking procedure is normally performed by hand and exposes surgeons to dangerous levels of radiation from more than 250 X-rays to monitor the location of the probe for up to eight hours.

But Mr Crocker’s ground-breaking operation was completed in just one hour yesterday and hailed an ‘enormous success’ by British doctors.

It is the first time that the procedure – the same performed on Tony Blair by hand in 2004 – has been carried out by a fully remote-controlled robot anywhere in the world, it was claimed.

Mr Crocker, a retired postal worker from Burton-on-Trent, Staffordshire, had suffered from an irregular heartbeat for four years.

Before going into theatre, he said: ‘Somebody always has to be the first to try something and I’ve always had a sense of adventure.

‘I’ve been very excited about the operation for weeks. It’s a little bit of extra magic being the first in the world.

‘I tried cardioversion, which is electric shock therapy, and different medicines to get rid of the problem but so far nothing has worked.

‘I’ve seen the robotic arm and it’s an impressive piece of kit. I’d like to shake hands with it after when I’m cured but maybe that won’t be possible.’

 Working remotely: Surgeon Dr Andre Ng, consultant cardiologist at Glenfield Hospital and senior lecturer in cardiovascular sciences at the University of Leicester, holds a remote controller for a catheter

Consultant cardiologist Dr André Ng (both corr) carried out yesterday’s surgery using the Remote Catheter Manipulation System, a £350,000 robotic arm made in New Jersey, USA.

A 6mm-wide catheter fitted with a pinhole camera and light was inserted into Mr Crocker’s groin using keyhole surgery.

Dr Ng then used the mechanical arm and a TV monitor to control its journey through the body using two buttons – one for direction and one to move forwards and backwards.

The catheter gyrates on the end of the robot’s arm when it detects fibres on the heart’s surface that cause the irregular rhythm.

Radio frequencies are then blasted down the catheter to perform an ‘ablation’, burning away the faulty fibres.

This corrects the flow of electrical currents through the organ and restores a regular heartbeat.

The system enables the six-man team – including a cardiologist, his assistant, two radiographers and two technicians – to perform the procedure in almost half the time of the traditional method.

The technique could be used to treat up to 50,000 Britons diagnosed with an irregular heartbeat each year, Dr Ng said, reducing strokes and heart failure.

A shortage of skilled clinicians mean only one in ten victims of the condition – called atrial (corr) flutter or atrial fibrillation – are currently treated using catheter ablation.

Dr Ng said: ‘Surgeons receive a phenomenal amount of radiation during these kind of heart operations. But with the mechanical arm I can do the same operation from the safety and comfort of the control room.

‘This is the first time in the world that the operation has been performed using this fully robotic arm.

‘The catheter is programmed to perform exactly the same movements as I would manually which makes it just as precise.

‘There’s also the added benefit that the operations are sped up and more can be carried out because surgeons are not as tired.

‘Heart rhythm treatment procedures are very common in people of all ages and there are hundreds of different conditions.

‘If you think about the potential of robotic operations in a Star Trek world, then in a few years we could do the entire operation by just pushing a button.’

 Speaking after the operation as Mr Crocker recovered on a ward, Dr Ng said the procedure was a success.
Tag:, , , ,

Comments 3 Commenti »

 

 

 

salmo 1Dell’orgoglio fanno una collana!

 

E’ la violenza il loro vestito;

gli empi ammassano ricchezza vana.

Invano, dunque, il cuore pulito

Ho serbato? Poiché questa strana

Pena si rinnova, avrei tradito

Gli antichi padri, se avessi detto:

Farò come loro” ! – Poi compresi

[qual fine orrendo avevano in petto.]

Riduzione in versi decasillabi dal Salmo 72

Tag:, , , ,

Comments Nessun commento »

libro tore

Non mi ricordo più quale scrittore disse un giorno che per lui, i libri che via, via,  andava pubblicando, erano come dei figli.

Certo, i figli son “piezz’e core”. Quindi non facciamo confusione.

Però devo confessare di provare una grande emozione, ogni volta che stringo in mano una mia nuova pubblicazione.

Il libro che ho ricevuto oggi dalla Casa Editrice “Il Convivio” del dott. Angelo

Manitta  è il mio quinto libro. Si intitola “Canti di libertà, di solitudine e d’amore”.

Contiene poesie in versi sciolti e in rima che abbracciano un periodo di 35 anni: dal 1975 al 2010.

A tutti i miei libri sono affezionato e ciascuno ha le sue proprie caratteristiche.

Il primo è il più fragile; forse sopravvalutato all’inizio e messo da parte troppo presto, quando sono arrivati i successivi.

Questo di oggi comincia a essere un libro della maturità.

Lo concepii nella seconda metà degli anni ottanta, ma per svariati motivi, vede la luce solo adesso.

I libri hanno periodi di incubazione variabile.

Ci sono autori prolifici come conigli. Capaci di pubblicare più libri all’anno.

Altri li condannano all’oblìo di un oscuro cassetto, eppoi magari ci pensano gli eredi a pubblicarlo postumo.

Altri hanno il coraggio di bruciare ciò che scrivono.

Il grande scrittore russo Nabukov (se la memoria non mi inganna) ordinò che dopo la sua morte i suoi manoscritti venissero arsi. Ma la moglie per fortuna si rifiutò di farlo.

Non avremmo mai letto quel grande  capolavoro che è “Il Maestro e Margherita”.

Se i libri son come i figli, cari autori, allora non sopprimeteli, ma affrontate qualche sacrificio, e pubblicateli.

Può anche darsi che facciano strada, chi lo sa?

Eppoi, un atto d’amore, val sempre la pena di farlo vivere.

Dai Canti di Solitudine, offro, a chi ha avuto il coraggio e la forza di seguirmi sin qui, una poesia che ha per titolo: “Il Martirio degli Innocenti”.

Solitudine

È la nostra condanna

Per quelle vite spezzate.

Odo lamenti lontani

urla di rabbia e di dolore

di donne disperate

urla incoscienti

di uomini senza fede

confusi nel buio della ragione!

Ed io che  m’affacciavo appena al mondo,

con chi stavo?

Con le donne?

Con l’uomo?

Ora che cerco Dio

perché mi risponde  il pianto

di quelli che non videro mai la luce

come una colpa che mi opprime il cuore?

Li abbiamo ricacciati nell’oblìo

Ma stanno tornando e torneranno

riempiendo i vuoti della morte innocente

come carne di Dio.

E tutti porteremo addosso

i segni della sofferenza!

Tag:, , , , , ,

Comments 2 Commenti »

vinoUn vinaio decise, per interessi della sua bottega, di smerciare un vino adulterato sfruttando però il nome di un vino già apprezzato da tutti.

Lo mise in commercio in grande quantità, scrivendo nell’etichetta che il vero e autentico vino di marca era il suo, non quello conosciuto sino ad allora.

Ad alcuni bevitori che avanzavano delle educate riserve sulla bontà del nuovo vino, il vinaio  rimproverò  risentito che essi non potevano giudicare un vino che non avevano neppure assaggiato. E li invitò quindi ad acquistarne.

Secondo voi, i buongustai, continueranno a bere il vino buono o acquisteranno il vino adulterato?

L’episodio, mutatis mutandis, è accaduto a me di recente, nella nostra piattaforma.

Un blogger  ha infatti recensito un libro  dedicato al papa Giovanni Paolo II, notoriamente considerato un uomo di virtù e qualità innegabili (al di là degli steccati ideologici), reclamizzandolo come un libro verità contenente oltre 400 pagine di peccati addebitabili al papa polacco.

Alle mie educate riserve sul contenuto del libro ha opposto la circostanza (peraltro da me evidenziata in premessa) che  avrei dovuto leggere il libro, prima di esprimermi.

Io non so che razza di elenco di peccati contenga quel libro. Se fossero dei peccati dell’uomo Lolech essi sono materia che riguarda la sua anima e se la vedrà con il Padre Misericordioso nel Giorno del Giudizio Universale, dato che davanti a Lui siamo tutti peccatori.

Ma se si tratta di presunti peccati legati al suo ministero pastorale, quali ad esempio l’aver contribuito in modo determinante a distruggere la mala pianta del comunismo sovietico e dello stalinismo, o magari l’essere riuscito ad attirare tanti giovani alla sua Chiesa (allontanandoli dalle droghe e dai vizi)beh, allora lo ringrazio e pregherò ancora di più Iddio Onnipotente di tenere da conto il grande papa.

E comunque di quel vino non ho alcuna voglia di berne.

Tag:, , , , , , , ,

Comments 6 Commenti »

lirico cagliariDitemi una cosa italiana, conosciuta all’estero, che non sia mafia, spaghetti o pizza!

Se volete provo a dirla io: si chiama Opera.

Sì, proprio Opera. Quella di  Verdi, Rossini, Puccini, Leoncavallo, Mascagni, Bellini e altri grandi geni della musica italiana che il mondo ci invidia.

Proviamo a recarci a New York, a Tokio, a Vienna, a Londra, a Parigi; dappertutto troveremo l’Opera Italiana.

E adesso permettemi un’altra domanda: chi è che custodisce e diffonde nel mondo questo immane patrimonio culturale tipicamente italiano?

Domanda retorica: lo sanno tutti che sono le 14 Fondazioni lirico-sinfoniche. E cioè Il Teatro alla Scalla di Milano; il Maggio Fiorentino; Il San Carlo di Napoli; Il Palestrina di Cagliari e così via.

L’unico che sembra non saperlo  è il ministro Bondi, il quale si meraviglia che queste complesse  entità produttive di cultura e spettacolo hanno centinaia di dipendenti da retribuire (artisti del coro, professori d’orchestra, tecnici, ballerini, commessi, inpiegati, artigiani ecc.).

E invece di pensare a potenziare le capacità produttive delle Fondazioni, cosa fa il ministro Bondi? Fa cadere la scure sui finanziamenti senza curarsi di salvaguardare almeno  i dipendenti e una qualche capacità produttiva.

Mi viene un pensiero malizioso: ma non è che attaccando la Cultura tipicamente italiana come l’Opera Lirica, in realtà si vuole attaccare l’Unità d’Italia?

Non è che lo smantellamento delle Fondazioni Lirico-Sinfoniche  si inserisca in un più ampio disegno di smantellamento dell’Italia?

Naturalmente aspettiamo di leggere il Decreto Bondi, ma chi lo ha letto, con le sue proteste,  ha in qualche modo risposto alle mie domande.

Concludo con un’ultima osservazione e una proposta: il deficit complessivo delle Fondazioni pare che sia di 100 milioni di €. Bene: e se la TV stornasse 100 milioni di € dai soldi che dà al Calcio per i diritti televisivi e li trasferisse alle Fondazioni come corrispettivo per la diffusione nel mondo, via etere e via satellite, delle migliori opere prodotte dalle Fondazioni?

Comments 3 Commenti »

genocidio armenoRecentemente ebbi a ringraziare il presidente degli Stati Uniti, Barak Obama, per il coraggio di sfidare la Cina, incontrando il Dalai Lama (Capo spirituale dei buddhisti del Tibet)  alla Casa Bianca.

Oggi lo voglio ringraziare per avere risollevato la questione del genocidio perpetrato dai Turchi a danno degli Armeni nel 1915.

Ne approfitto per segnalare che attraverso il link sottostante si può accedere alla intervista del prof. Andrew Lawless, presidente dell’associazione per lo studio e la raccolta documentale del genocidio armeno.

L’intervista è interessante anche perchè si affronta, seppure incidentalmente, la questione dell’ingresso della Turchia nell’Unione Europea, prevista per il 2014.

Un grosso problema per il futuro dell’UE, alle prese con problemi di integrazione notevoli con i Paesi new entries quali la Romania e la Bulgaria.

Ma oltre ai problemi economici e  sociali, ci sono anche problemi politici. La Turchia non ha mai ammesso ufficialmente il genocidio armeno e non ha fatto molti passi avanti sul piano della democrazia interna.

Se ci tiene davvero a entrare nell’UE, cominci dunque con il riconoscere il genocidio, risarcendo gli eredi delle vittime e restituendo le proprietà sottratte agli Armeni.

Insomma, come dice il proverbio “meglio tardi che mai”.

 

http://www.threemonkeysonline.com/it/article.php?id=29

Comments Nessun commento »

HarryQuesto bel bambino della foto è un neonato di se giorni e non, come sembrerebbe, un bambino di sei mesi.

Si chiama Harry, è nato nello Yorkshire Inglese e pesa più di sei chili!

Auguri ai genitori Sharon e  Paul che sono felicissimi, nonostante abbiano dovuto mettere da parte le tutine che avevano già pronte, troppo strette davvero per il piccolo gigante di Doncaster.

Ma il record mondiale del neonato più pesante, sopravvissuto, resta ancora all’Italia per un neonato di Aversa che nel 1955 pesò alla nascita quasi dieci chili.

Beh, se qualcuno potrà anche non esserne orgoglioso, speriamo però che non gli faccia troppa rabbia (parlo del record italiano, e dei record azzurri in genere, naturalmente).

Per saperne di più:

http://poetryandmore-albixforpoetry.blogspot.com/

Comments 7 Commenti »

vodka“Se un party non finisce con l’arrivo di un’ambulanza, non è un party a cui  valga la pena di partecipare”.

Sembra questo il nuovo slogan che ha conquistato le quindicennni britanniche della classe media al punto che qualcuna ha confessato che si beve vodka a go-go, sino alla saturazione che richiede, in casi estremi, anche una lavanda gastrica.

E purtroppo qualcuna anzicchè in ospedale è finita all’obitorio.

 L’emancipazione femminile continua dunque a crescere, ma in senso negativo.

Infatti a questi parties a base di vodka sono le ragazze a ubriacarsi più dei ragazzi (tre a uno secondo le statistiche).

E molte di queste quindicenni hanno il loro primo rapporto sessuale in stato di ubriachezza, al punto da non prendere neppure precauzioni o addirittura da non ricordarsi se l’abbiano avuto oppure no.

Intanto analisti, psicologi e commentatori attribuiscono la responsabilità di questa grave condizione di dipendenza psicologica dall’alcool,  da un lato alla grande insicurezza ingenerata nelle quindicenni da modelli femminili troppo ardui da imitare e impossibili da raggiungere; dall’altro, alla subdola e, a volte anche esplicita, pubblicità che ne  fanno i video pop (quali Bad Romance di Lady Gaga) e certe serie televisive americane (Sex and the City, ad esempio) , in barba ai divieti di commercializzazione e pubblicità del consumo di alcohol tra i minorenni.

Comments 10 Commenti »

tanoressiaE’ un tumore alla pelle che colpisce ormai 370  ragazze all’anno, causando la morte di 100 di loro nella sola Gran Bretagna.

E’ stata battezzata “Tanoressia ” o anche “Tanolismo”, dove “tan” sta per abbrozzantura ed il suffisso indica una dipendenza simile ad altre dipendenze psicologiche  di natura similare, quali alcolismo, anoressia e droghe.

 E’ la nuova frontiera dove la schiavitù e la dipendenza psicologica si fanno regola, in una sorta di tossicodipendenza dalle lampade abbronzanti di cui, dopo un po’, gli utenti non possono fare a meno.

E per smettere bisogna sottoporsi ad una terapia dismissiva, del tipo di quella necessaria per liberarsi dell’abuso di alcohol e di droghe.

Col rischio del cancro alla pelle.

E’ questo il risultato cui sono giunti dei ricercatori americani.

Risultati confermati dalla Associazione Britannica dei Dermatologi.

Per saperne di più:

 

 

http://www.dailymail.co.uk/health/article-1267323/Tanning-bed-users-addicts-getting-fix-researchers-say.html

Comments 6 Commenti »

Red squirrel Charlie

Un uccello lo ha afferrato dal suo nido facendolo cadere da un’altezza vertiginosa.

Ma il piccolo scoiattolo rosso, non più grande di una pallina da tennis, si è salvato.

Soccorso da un Ranger del bellissimo Parco Nazionale di Cumbria (Nord-ovest dell’Inghilterra) ora viene nutrito con gustose siringhe di latte (vedi foto).

I Rangers lo hanno battezzato Charlie, in onore del Principe di Cornovaglia, erede al trono d’Inghilterra, che è anche Patrono dell’importante Parco.

Per adesso vive in una gabbia per topi, ma appena guarito sarà liberato nel suo habitat di provenienza.

I nostri migliori auguri di pronta guarigione al piccolo principino rosso Charlie.

Foto del Daily Mail on line.

Tag:, , , , , , ,

Comments 2 Commenti »

432775aSono affascinato e perplesso, nello stesso tempo, da una scoperta fatta dagli scienziati dell’Università di Newcastle (GB).

Gli studiosi della prestigiosa Università britannica hanno messo a punto una tecnica che consentirebbe (il condizionale è d’obbligo) di sconfiggere alcune malattie genetiche che, a causa di mitocondri difettosi,  colpiscono il cervello, i muscoli, l’apparato digestivo ed il cuore entro un paio d’ore dalla nascita.

La tecnica consiste nello scambio dei mitocondri ammalati con quelli sani.

Secondo quanto si legge nella Rivista Scientifica “nature” si procede in questo modo: dall’ovulo della madre a rischio di malattie genetiche e/o portatrice di malattie genetiche, si estraggono i mitocondri ammalati; l’ovulo così alleggerito viene fecondato con lo pserma del partner; infine, l’embrione viene trasferito nell’ovulo di una donatrice sana.

Insomma, detto con reale brutalità, si tratta di un individuo che avrà due mamme.

Se da un lato sono affascinato per la tecnica sofistica (ma anche per la ricerca indefessa della scienza di sconfiggere malattie così difficile e subdole come quelle genetiche). dall’altro sono perplesso e spaventato per ciò che questo genere di tecniche potrebbe rappresentare in una società sempre più basata sull’apparente bellezza, sull’esterità e sul perfezionismo a tutti i costi.

E che ne faremmo dei nostri figli che si ammalassero invece in età adultà?

E di quelli che nonostante tutto nascessero con le malattie genetiche?

E non saremmo tentati di creare in laboratorio l’uomo ideale e perfetto?

foto tratta da Daily Mail online

Tag:, , , , ,

Comments 17 Commenti »

JackieDopo 46 anni vedrà finalmente la luce un’intervista di oltre sei ore che la vedova del Presidente John Kennedy, Jacqueline Kennedy Onassis, rilasciò al giornalista e amico di famiglia, nonchè Premio Pulitzer Arthur Schlesinger jr alcuni mesi dopo  l’assassinio del compianto Presidente degli Stati Uniti d’America,  ucciso a Dallas nel 1963.

http://albixpoeti.blog.tiscali.it/files/2010/04/article-0-091E0177000005DC-219_468x4961.jpg

L’intervista fu tenuta segreta per espressa volontà della stessa vedova Jackie e, dopo la sua morte, e quella dell’altro figlio John Kennedy jr, spetta all’altra figlia superstite Carolina (che ha deciso di farla pubblicare) ogni decisione in merito.

D’altro canto i motivi che suggerirono alla moglie del presidente americano  Kennedy di tenere segreta l’intervista possono dirsi senz’altro superati.

Si squarci dunque il velo su una vicenda che tanto dolore e  tanta apprensione.  causò nel mondo intero.

Oggi, insieme a una grande nostalgia per quei mitici anni e a una indubbia simpatia per la sfortunata dinastia dei Kennedy (ricordiamo, oltre all’assassinio del presidente John, anche l’uccisione di suo fratello Bob e le morti premature di tanti giovani rampolli della dinastia Kennedy),  permane in molti di noi la curiosità di saperne di più su un attentato che resta avvolto nel mistero e su come i familiari  sopravvissuti, ed in primo luogo la vedova Jacqueline, affrontarono le conseguenze del cruento omicidio.

Approfondite nel mio blog in inglese:

http://poetryandmore-albixforpoetry

leggete anche questi blog

musicamore

Il blog sulla città di Cagliari

Tag:, , , , , , ,

Comments 6 Commenti »

fantasmaQuante volte, vedendo la TV cambiare canale da sola, abbiamo pensato a qualche fantasma birichino in vena di scherzetti? O magari, più razionalmente a qualche difetto del telecomando?

Ebbene, niente di tutto ciò!

In Inghilterra è stato appurato che i responsabili sono i raggi infrarossi delle lampade a basso consumo energetico!

Ma allora perchè questi “fantasmi” infrarossi da noi non si divertono a cambiare canale alla TV?

Per saperne di più:

http://www.dailymail.co.uk/news/article-1265185/Low-energy-light-bulbs-flicking-television-channels-random.html

Tag:, , ,

Comments 5 Commenti »

Prince charles and camillaPotrò sembrare un romanticone o addirittura un sempliciotto ma, senza entrare nel merito della questione legale rispolverata dal Daily Mail in data odierna, se il principe ereditario e la contessa potessero o meno legittimamente unirsi in forza di un matrimonio civile ( questione assai controversa e non lineare, trattandosi del matrimonio di un erede al trono:  vedi link sottostante), io ancora oggi mi chiedo come abbia fatto il principe Carlo d’Inghilterra, a trascurare la sua legittima sposa (la defunta Diana Spencer) per sospirare (e non solo) appresso a Camilla Parker-Bowles.

E non ne faccio una questione di bellezza. Anzi, se il Duca di Cornovaglia, sin dall’inizio, avesse scelto come moglie la sua storica amante Camilla, io lo avrei capito e difeso, perchè, come si suol dire “all’amor non si comanda”.

Ma Carlo, come è noto a tutti,  scelse di  sposare  Diana.

Ed a me,  inguaribile  romanticone,  è rimasto insoluto ed irrisolvibile l’eterno mistero dell’amore.

http://www.dailymail.co.uk/news/article-1265095/Charles–Camilla-marriage-Legal-advice-sealed-Princes-death.html

Tag:, , , , ,

Comments 6 Commenti »

bossiAd Annozero, Gad Lerner si è definito ignorante in materia; Santoro ha tentato di spiegarlo ma è stato ripreso da un professore presente in trasmissione; Tremonti ha parlato solo di quello fiscale; Ricolfi ne ha approfittato per presentare un suo libro. Travaglio non ne ha parlato affatto. Ma il federalismo cos’è?

Tralasciando la summa divisio che vuole gli stati federali suddivisi tra coloro che nascono dal basso verso l’alto e viceversa, ed altre definizioni di carattere troppo astratto per essere affrontate a livello di blog, cominciamo col dire che ci sono tanti tipi di federalismo: c’è quello americano (il più noto); c’è quello svizzero (il grande sconosciuto); c’è quello tedesco (il più efficiente); poi c’è quello messicano, quello brasiliano, quello indiano e così via.

Insomma c’è di tutto e di più in materia di federalismo.

Ma se vogliamo trovare un denominatore comune, forse possiamo indicarlo nell’esistenza di due livelli nella gestione del  potere, non gerarchicamente sovrapposti, ma differenziati per le competenze.

Esemplificando: Il potere federale (detto anche centrale) si occupa della difesa dei confini esterni, delle questioni internazionali, della politica economica (ivi compresa l’emissione ed il controllo della moneta) e, a seconda dei casi, di altre competenze, magari di coordinamento, in materia di sanità, ambiente giustizia e pubblica istruzione (musei,scuole,arte, ecc,) nella misura in cui la materia travalichi i confini territoriali della gestione locale.

Il potere locale (detto anche,  impropriamente, periferico), per l’appunto,  si esercita su una sub-porzione territoriale dello stato federale (chiamata, a seconda dei casi, stato nazionale, land, cantone, ecc.) e può spaziare sino a comprendere una polizia e/o un esercito nazionale; un apparato giudiziario con relativo ordinamento giuridico interno; e così via.

Ma quello italiano, come sarà?

Nessuno ancora ce lo vuole dire!

Che ci sia qualcuno che ha qualcosa da nascondere?

Tag:, , , ,

Comments 8 Commenti »

PSd'AzQualcuno ha scritto che in Italia c’è una gran voglia di Federalismo. E’ vero. Ma in Sardegna questa voglia c’è da sempre.

Ci sarebbbe anche il Partito ed è quello Sardo d’Azione.

Uso il condizionale perchè secondo me a questo partito, per essere un partito di massa, capace di guidare la Sardegna verso il Federalismo Europeo, gli manca qualcosa. Ecco cosa.

Questo partito, senza perdere le sue radici, deve abbandonare l’ideologia disfattista ed obsoleta (richiamata anche nella Mozione Conclusiva del XVIII Congresso di Oristano, l’11-12 dicembre 1976) che individua nel grande capitale industriale e bancario italiano e multinazionale la forza oppressiva colonizzante da battere.

Il nemico da battere è al nostro interno; siamo noi stessi Sardi; la NOSTRA DIFFIDENZA; IL NOSTRO INDIVIDUALISMO ESASPERATO; la nostra rassegnazione millenaria.

Un’ultima cosa: il PSd’Az per diventare un partito nazionalitario e rappresentativo di tutta la Sardegna deve intrecciare le sue radici storiche con il Cristianesimo.

I Sardi sono un popolo ormai profondamente imbevuto di fede cristiana. E comunque senza Dio, senza la Fede, non si va da nessuna parte.

Richiamandosi alle radici cristiane ed  abbassando  le sue retrive e superate barriere ideologiche, il PSd’Az attirerebbe a sé tutti i Sardi di buona volontà.

E la Rinascita politica e sociale della Sardegna potrebbe davvero ricominciare.

Comments 7 Commenti »

i 4 moriLa bandiera dei 4 mori è il simbolo del Partito Sardo d’Azione. Il PSd’AZ venne costituito a Oristano il 17 aprile 1921 nel corso del IV Congresso della Federazione Combattenti Sardi già attivi sin dal 1918, anno di riapertura della Camera dei Deputati dopo la fine della Grande Guerra.

Nelle Elezioni dello stesso 1921 il PSd’AZ elegge in Sardegna 4 deputati su 12: Lussu, Mastino,Onano e Cao. I primi due li ritroveremo nel 1945 nel Governo Parri, il primo dopo il disastro del Fascismo.

Il PSd’AZ è quindi il più vecchio partito in Italia. Anzi, dei vecchi partiti, è l’unico ad essersi salvato dalla baraonda di tangentopoli.

Sento oggi la nostalgia dei grandi dirigenti del passato: Non solo i già citati Emilio Lussu e Pietro Mastino; ma anche   Tuveri, Columbu (ancora vivente), i Melis (Titino e Mario  che fu anche Presidente della Giunta della R.A.S.).

Negli anni settanta del secolo scorso ci fu un vento sardista che soffiò forte e si sfiorò il 20% alle elezioni del 1979.

Ma purtroppo i dirigenti di allora, preoccupati che i giovani gli soffiassero la poltrona, non fecero nulla per coltivare quella ondata di voti, anzi fecero di tutto per sbarrare la strada alle nuove leve.

Qualche scandalo legato alla corruzione, seppure non di livello nazionale , fece il resto.

Oggi il PSd’AZ vivacchia attorno al 5% (quando va bene).

Peccato! Un grande  patrimonio culturale e politico sottovalutato, come il resto del nostro grande patrimonio culturale.

Mi è venuto voglia di scrivere questo articolo leggento l’interessante post di TEMIS su http://temis.blog.tiscali.it/2010/04/07/al-sud-servirebbe-un-bossi/

Comments 4 Commenti »

Essendo già sopraggiunta la sera,

un certo Giuseppe d’Arimatea,

membro distinto del Consiglio, che era

 

speranzoso anch’ei nella fede ebrea

predicata da Gesù Cristo, dato

che era prossima la festa giudea

 

(l’indomani infatti sarebbe stato

Sabato di Pasqua), venne in città

E si presentò dinanzi a Pilato.

 

Sprezzante del rischio e d’ogni viltà

Gli chiese di dargli il corpo del Cristo!

Nel dubbio che non fosse morto già

 

Chiese al Centurione s’avesse visto

L’evento e, udito che tal L’avea scorto

Coi suoi occhi, diede a Giuseppe il visto!

 

 

Egli, avendo scavato in un suo orto

Una roccia, per farla a sepoltura,

vi depose il corpo di Gesù morto,

 

non prima d’averLo avvolto con cura

in un candido lenzuolo comprato

ad hoc! Ei sigillò, come chi mura,

 

perché mai più l’interno sia mostrato,

il selpocro di Gesù con un masso!

Questo è stato da Marco raccontato

 

ed io lo narro a voi, poeta lasso!

 

 

 

E tutto dalle donne fu osservato!

s'iscravamentu 

 

S’Iscravamentu è, nella lingua e nelle tradizioni della Sardegna, la cerimonia della deposizione di Nostro Signore dalla Croce che prelude alla Sepoltura di Gesù.

Ho ridotto in versi e in rima la richiesta di Giuseppe d’Arimatea a Pilato, ispirandomi al Vangelo di San Marco.

 

Comments 2 Commenti »