Archivio Dicembre 2006


Carissimi bloggers, interrompo momentaneamente la mia bibbia in versi per parlarvi di un film che ho visto di recente: Nativity di C. Hardwicke. A tal proposito, come si diceva ai miei tempi, cerchiamo di non buttare anche il bambino, vuotando la vaschetta dall’acqua sporca! E’ ben vero, infatti, che nel film il regista ha preso delle topiche paurose in fatto di date ( ad es:, all’inizio, dopo la scena della strage degli innocenti, una didascalia annuncia un flash-back di un anno per mostrare Zaccaria il quale diviene muto in seguito ad una visione nel corso della quale Dio gli predice che sua moglie Elisabetta è incinta! Ma al tempo della strage degli innocenti, il figlio di Zaccaria ed Elisabetta, Giovanni Il Battista, aveva già due anni e mezzo!); E’ altrettanto vero che i Re Magi sembrano una caricatura di Aldo, Giovanni e Giacomo! E’ inoltre vero che secondo la tradizione i genitori di Maria, Gioacchino ed Anna erano ricchissimi e non quegli improbabili olivocultori che compaiono nel set del film in questione; si può infine convenire che Erode è una scontata macchietta, così come banale appare la rappresentazione delle sue guardie personali, a metà strada tra centurioni romani e truppe babilonesi, completamente fuori contesto anche nel modo di rivendicare le imposte a nome di Cesare Augusto e di Roma! Ma a ben vedere il film ha anche delle cose positive: la fotografia, ad esempio, è superlativa! Poi mi ha colpito il sentimento dell’attesa che vi traspare. Senza l’attesa la vita sarebbe meno interessante e meno affascinante; a volte l’attesa vale più dell’evento stesso! Anche l’interpretazione di Maria, di Anna e dello stesso Giuseppe (solo nella seconda parte del film, però) sono da salvare!Insomma mi pare buono che il cinema cerchi di rappresentare la Sacra Famiglia da un angolo visuale nuovo e diverso dai vecchi polpettoni realizzati a Holliwood negli anni 50 e 60 con quelle facce da divi americani, che più divi non si può, spacciate per inimmaginabili personaggi giudei e romani! Cari amici bloggers, se andrete a vedere il film, fatemi sapere cosa ne pensate. Io vi prometto che al mio prossimo post continuerò da dove mi ero fermato la scorsa volta! A presto su Tiscali Blog!

Tag:, , , , ,

Comments Nessun commento »


Carissimi bloggers, interrompo momentaneamente la mia bibbia in versi per parlarvi di un film che ho visto di recente: Nativity di C. Hardwicke. A tal proposito, come si diceva ai miei tempi, cerchiamo di non buttare anche il bambino, vuotando la vaschetta dall’acqua sporca! E’ ben vero, infatti, che nel film il regista ha preso delle topiche paurose in fatto di date ( ad es:, all’inizio, dopo la scena della strage degli innocenti, una didascalia annuncia un flash-back di un anno per mostrare Zaccaria il quale diviene muto in seguito ad una visione nel corso della quale Dio gli predice che sua moglie Elisabetta è incinta! Ma al tempo della strage degli innocenti, il figlio di Zaccaria ed Elisabetta, Giovanni Il Battista, aveva già due anni e mezzo!); E’ altrettanto vero che i Re Magi sembrano una caricatura di Aldo, Giovanni e Giacomo! E’ inoltre vero che secondo la tradizione i genitori di Maria, Gioacchino ed Anna erano ricchissimi e non quegli improbabili olivocultori che compaiono nel set del film in questione; si può infine convenire che Erode è una scontata macchietta, così come banale appare la rappresentazione delle sue guardie personali, a metà strada tra centurioni romani e truppe babilonesi, completamente fuori contesto anche nel modo di rivendicare le imposte a nome di Cesare Augusto e di Roma! Ma a ben vedere il film ha anche delle cose positive: la fotografia, ad esempio, è superlativa! Poi mi ha colpito il sentimento dell’attesa che vi traspare. Senza l’attesa la vita sarebbe meno interessante e meno affascinante; a volte l’attesa vale più dell’evento stesso! Anche l’interpretazione di Maria, di Anna e dello stesso Giuseppe (solo nella seconda parte del film, però) sono da salvare!Insomma mi pare buono che il cinema cerchi di rappresentare la Sacra Famiglia da un angolo visuale nuovo e diverso dai vecchi polpettoni realizzati a Holliwood negli anni 50 e 60 con quelle facce da divi americani, che più divi non si può, spacciate per inimmaginabili personaggi giudei e romani! Cari amici bloggers, se andrete a vedere il film, fatemi sapere cosa ne pensate. Io vi prometto che al mio prossimo post continuerò da dove mi ero fermato la scorsa volta! A presto su Tiscali Blog!

Tag:, , , , ,

Comments Nessun commento »