Archivio Luglio 2006

Il Poema della Creazione è un’opera in versi e in rima che si compone di 56 Canti di lunghezza variabile.
E’ divisa in 5 parti: le prime quattro comprendono la sintesi in versi dei 46 libri dell’A.T.e dei 27 libri del N.T., compresi i 4 evangeli canonici (uno per ciascuna delle 4 parti).
La quinta parte comprende dieci libri apocrifi dedicati a ciascuno degli originari apostoli di Gesù non evangelisti.
L’opera non ha pretese teologiche. Essa cerca di dimostrare che la Bibbia non ha dei contenuti riservati esclusivamente a pochi ed eletti esegeti, ma al contrario, i suoi libri possono essere letti da chiunque e da diversi punti di vista. Nel mio poema io ho privilegiato un punto di vista che cerca di cogliere i diversi personaggi nella loro dimensione umana e storica e, perchè no?, anche avventurosa.
Proprio per questo motivo ho iniziato a comporla in uno stile che si ispira, volutamente, ai grandi autori italiani dell’epica cavalleresca (e non solo), anche se ho arricchito molte delle strofe, in aggiunta agli otto versi di endecasillabi, con un nono verso polimetro( V. le prime strofe allegate). Successivamente ho sperimentato altre forme metriche tra cui: quartine di sette/ottonari e terzine moderne di endecasillabi, senza tralasciare qualche adattamento di Canzone petrarchesca, di Ballata Grande o di sonetto classico.
L’opera, al momento attuale, è stata soltanto depositata alla SIAE – Sezione OLAF per le opere inedite, ma sono già in contatto con diversi editori per la sua pubblicazione, che prevedo di effettuare in un prossimo futuro. per ora mi sembra un bel “battesimo” pubblicarne degli stralci sul mio blog, con la speranza che essa possa conquistare almeno venti lettori.
L’opera si apre con un prologo composto dalle seguenti 4 strofe:

” Canto del Padreterno la Creazione
i cui primordi furo’ Adamo ed Eva
del gene eletto primiera Nazione
al tempo che soltanto si godeva
senza patemi nè disperazione
nell’Eden che fiorito sèr soleva!
E prima che il serpente ingannatore
il seme della sfida contro Dio
[all'uom mettesse in core]

Canto altresì dei valorosi prodi,
che discendendo da quel gene eletto,
in varia guisa e coraggiosi modi
il popol d’Israele al santo tetto
condussero di Palestina. E gli odi,
gli amori, i tradimenti non ometto:
quei tra uomini e regni, e quei con Dio;
e leggi, guerre, esilii ed altro ancora
[io narro in questo canto mio]

Ardua è però sì tanto la materia
e lungo e pien d’insidie il mio cimento
e la paura che il mio cuore assedia
soltanto se m’ardisco e in un momento
vacillo e manco come per inedia!
Signore Dio, Creator del Firmamento
dona sostanza e luce alla favella
mia, ch’io possa intelligere l’Antica
[Tua parola e la Novella]

E dalla Genesi all’Apocalisse
guida la mano mia tra rime e accenti
che con la mente mia come vibrisse
sappiano intercettare i sentimenti
e trasmutarli con le leggi affisse
in quei settantatre componimenti!
Certo, per quanto questo libro vale
ed esser vuole: un chiaro e breve invito
[al pieno assaggio dell'Originale].

Tag:, , ,

Comments Nessun commento »

Su Teatru Sardu, o ancora mellusu, su teatru in Sardu, no esti meda connotu da-e is Sadrus’ e totu.
Su motivu esti tropu complicau po essiri afrontau in custu articulu e hiad’essiri fintzasa foras de contestu.
Deu si ollu fueddai innoi scéti de unu tipu de teatru sardu: sa Farsa Campidanesa. Sa Farsa Campidanesa esti unu tipu de teatru chi derivat po linea diretta de sa grandu famiglia grecu-romana.
S’antesignanu s’umprusu famosu e istimau esti siguramenti Plautu.
Est’ arribada a i disi nostrasa po mesu di Autorisi sardusu importantisi calisi Antoi Garau de Aristanisi, Giuanni Battista Melis de Guasila e aterusu autoris’ sardusu.
A propositu de su primu Autori citau si ollu segnalai s’interessanti libru de Sergio Bullegas, cun testu italianu a fronti, editu de sa CUEC, titulau “S’Umanidadi e s’Innocenzia de is Umilis”. Me is prossimusu articulusu, chi s’interessada, s’hia bolli pubblicai stralciusu e fotographiasa de ua farsa chi appu scrittu deu e tottu: “Sa Trassa”.
Custa cummedia hadi partecipau a su Premiu Letterariu Cittadi de Seddori, ottenendi una nòmena speciali in sa sezioni teatru. Issa esti stettia produsia e realizzada po su grupu teatrali “Mattei” de Deximu Mannu chi deu dirigu e in sa cali deu appu interpretau sa pati de Don Vissenti. S’historia esti aici: Don vissenti esti un omini de una certa edadi, bagadinu, arricu e asurìu. Po mesu de Fogaroi, su patri ‘e axrobasa chi di sìghidi sa sienda e is terras chi tènidi spratasa in totu sa Marmilla, Don Vissenti oid’arrennesci a si coiai cun Donna Cristina, una viuda arrica giai cant’iss’e tottu. Ma Fogaroi s’innamorada de Donna Cristina e de su dinai chi tènidi e aici faidi scéti finta de fai trassa a Don Vissenti e anzisi, cun su permissu de su meri ‘e tottu, faidi finta de fai trassa po fai coiai su nepodi de Don Vissenti, Federicu, cun sa filla filla de Donna Cristina. Donna Cristina, infattusu, àndada anch’e Fogaroi. Sa fiuda, parò, oidi sistemai sa filla po si pod’accorrai in su Guventu de i’ mongiasa, in gustu agiudada de su Vescuvu.
In prusu, Don Nassiu, su preidi de Saddori, teidi una netta bagadina e d’oidi fai coiai a Don Vissenti po podi diventai arrica cun su dinai su’! Hanta nasci una seria di euivocusu, ma a sa fini scéti s’amori sinceru de Federicu e de sa filla de Donna Cristina hada agatai successu.

Tag:,

Comments Nessun commento »